Acciaio & idrogeno: al progetto svedese HYBRIT 143 milioni dall’Innovation Fund

La Commissione Europea ha assegnato ufficialmente a HYBRIT – iniziativa promossa da Vattenfall, SSAB e LKAB che prevede di realizzare una filiera completa per la produzione di acciaio decarbonizzato grazie all’idrogeno in Svezia – 143 milioni di euro di finanziamenti nell’ambito del programma Innovation Fund.

Quello svedese è infatti uno dei 7 progetti – l’unico relativo all’industria siderurgica – che si sono aggiudicati complessivamente 1,1 miliardi di euro nell’ambito dell’ultima ‘call’ dell’Innovation Fund, uno dei principali piani di finanziamento promossi da Bruxelles per il sostegno a progetti di grande dimensione.

Le risorse serviranno ai 3 partner per sviluppare una value chain completa in grado di dimostrare i benefici derivanti dall’impiego di idrogeno per produrre acciaio a zero emissioni utilizzando la tecnologia produttiva DRI (Direct Reduced Iron) in sostituzione della modalità tradizionale con altoforno.

“HYBRIT contribuirà a gettare le premesse per un cambio di paradigma fondamentale nell’industria siderurgica globale e dimostrerà quanto rapidamente possa realizzarsi la transizione green” ha dichiarato Frans Timmermans, Vicepresidente della Commissione Europea responsabile per l’European Green Deal. “Il sostegno erogato tramite l’Innovation Fund conferma l’importanza di questo tipo di tecnologie. La Commissione Europea è convinta che questo progetto potrà contribuire a rafforzare la competitività dell’industria europea”.

Nell’ambito di HYBRIT  le 3 aziende parte del progetto prevedono di produrre annualmente 1,35 milioni di tonnellate di DRI utilizzando idrogeno, che verranno impiegate per produrre una quantità di acciaio grezzo (una prima consegna ‘dimostrativa’ è stata già effettuata nei mesi scorsi da parte di SSAB a favore della casa automobilistica svedese Volvo) pari al 25% dell’attuale output di tutta l’industria siderurgica nazionale svedese, ottenendo al contempo una riduzione delle emissioni di CO2 di 14,3 milioni di tonnellate nei primi 10 anni di attività.

Sul totale dei 143 milioni di euro erogati a favore di HYBRIT da Bruxelles, 108 sono destinati alla società (appositamente costituita) Hybrit Development AB che li impiegherà per realizzare un nuovo impianto dimostrativo di produzione di DRI con utilizzo di idrogeno, comprensivo di un elettrolizzatore da 500 MW per la generazione on-site di H2 green, a Gällivare.

Altri 30 milioni andranno a SSAB per realizzare a Oxelösund l’impianto di trattamento del DRI (da cui si produce l’acciaio grezzo) e infine altri 5 milioni verranno utilizzati da LKAB per un impianto di produzione del pellet, piccole sfere contenenti minerale di ferro che vengono utilizzate nel processo di produzione del DRI alimentato a idrogeno.