Accordo tra NatPower H e Hydrocell per il rifornimento di idrogeno all’imbarcazione Nobody’s Perfect

NatPower H, società del gruppo NatPower che ha in programma di realizzare una rete europea di stazioni di rifornimento di idrogeno per yacht e imbarcazioni da diporto – la prima, che sorgerà a Venezia, dovrebbe essere inaugurata entro pochi mesi – e Hydrocell, start-up italiana che ha messo a punto una innovativa centralina di controllo per propulsori elettrici e ad H2 (chiamata ‘hyMAR control’) hanno firmato un accordo per il rifornimento di idrogeno da impiegare come propellente di imbarcazioni a zero emissioni.

In particolare, il contratto prevede la fornitura di circa 4,5 tonnellate di idrogeno in 3 anni, presso una delle stazioni che saranno installate da NatPower H o in modalità mobile, che verrà utilizzato per la propulsione dell’imbarcazione ‘Nobody’s Perfect’, ex peschereccio (costruito nel 1978 a Bordeaux) trasformato per poter trasportare passeggeri con propulsione a idrogeno (10kg per una capacità di navigazione di 30 ore) che monta la nuova centralina di Hydrocell e che la stessa azienda ha presentato recentemente al Salone Nautico di Venezia.

Le operazioni di rifornimento avverranno sin dalla fase di testing del traghetto e proseguiranno nelle fasi operative.

“Un contratto importante per la nautica e per NatPower H, che consolida il nostro impegno e il nostro knowhow come player fondamentale per la decarbonizzazione della nautica” ha commentato Andrea Minerdo, CEO di NatPower H. “Oggi l’idrogeno rafforza la sua posizione di vettore del futuro, con l’avvio del passaggio dalle dinamiche di elemento propulsivo sperimentale a quelle commerciali e per tutti”.

“L’accordo firmato con NatPower H è un segno concreto della volontà di spingere verso l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili e di facile reperimento, come l’idrogeno, per costruire un futuro migliore, per tutti” ha aggiunto Karl Manfredi, CEO di Hydrocell. “L’idrogeno è per noi una delle chiavi per rendere il pianeta più sostenibile: abbiamo quindi fatto sintesi di esperienze diverse e approfondite nel settore per dare il nostro contributo. Grazie a NatPower H aggiungiamo un altro tassello al progetto, per noi cruciale, di retrofitting di Nobody’s Perfect”.