Air Liquide investirà 850 milioni di dollari nell’hub di produzione di idrogeno low-carbon che ExxonMobil sta realizzando in Texas

L’azienda francese Air Liquide investirà 850 milioni di dollari per costruire, installare e gestire 4 impianti modulari di separazione dell’aria, e le relative infrastrutture, presso il nuovo hub di produzione di idrogeno low-carbon che la major americana ExxonMobil sta realizzando a Baytown, in Texas.

Questo investimento, il più grande mai effettuato dalla società transalpina dei gas tecnici, consentirà ad Air Liquide di incrementare notevolmente la propria capacità di produzione di ossigeno negli USA, gran parte della quale verrà offerta alla stessa ExxonMobil.

La corporation americana avrà infatti bisogno di enormi quantitativi di ossigeno per alimentare il suo impianto di produzione di H2 blu in Texas, e Air Liquide sarà in grado di fornirlo sfruttando una combinazione di tecnologie che consentiranno di ridurre di due terzi le emissioni di CO2 connesse alla sua produzione.

Nel dettaglio, una volta che la FID di questo progetto sarà deliberata, Air Liquide realizzerà a Baytown 4 unità di separazione Large Modular Air (LMA) in grado di produrre 9.000 tonnellate al giorno di ossigeno, che sarà impiegato nel processo di produzione di idrogeno low-carbon, e 6.500 tonnellate al giorno di azoto, che verrà utilizzato per la trasformazione dell’H2 in ammoniaca, destinata poi all’esportazione.

Inoltre, le unità di separazione – che potranno utilizzare il 25% di energia elettrica in meno per produrre lo stesso quantitativo di ossigeno, rispetto ai modelli precedenti, e verranno alimentate principalmente con energia rinnovabile – saranno anche in grado di produrre quantitativi significativi di altri gas tecnici come argo, krypton e xeno, che Air Liquide potrà commercializzare sul mercato.

“Il nostro progetto Baytown Low Carbon dimostra la nostra capacità di innovare e di sfruttare la nostra consolidata presenza negli Stati Uniti per contribuire alla decarbonizzazione dell’industria” ha dichiarato François Jackow, CEO di Air Liquide. “Attraverso questo accordo con ExxonMobil, potremo contribuire ad una delle piattaforma energetiche low-carbon più grandi al mondo, rafforzando parallelamente la nostra capacità di produzione di gas industriali”.