Alstom si allea con ENGIE per portare l’idrogeno anche nel trasporto ferroviario di merci

Non solo passeggeri: Alstom punta a portare le sue tecnologie per la propulsione a idrogeno dei treni anche nel comparto del trasporto ferroviario merci, e per farlo ha deciso di allearsi con ENGIE.

Le due multinazionali francesi hanno siglato un accordo in base al quale Alstom svilupperà un sistema basato su fuel cell ad alto potenziale in grado di alimentare locomotive elettriche nei tratti di rete non elettrificata ed ENGIE si occuperà della fornitura dell’idrogeno rinnovabile tramite la realizzazione di una supply chain dedicata.

L’obbiettivo è quello di proporre soluzioni per la decarbonizzazione del mercato europeo del trasporto ferroviario di merci sfruttando l’esperienza già accumulata da Alstom nella realizzazione di treni passeggeri ad H2, che nei prossimi anni debutteranno anche in Italia nell’ambito del progetto H2iseO promosso da Ferrovie Nord Milano (FNM).

“La nostra ambizione è quella di accelerare l’adozione dell’idrogeno nell’industria ferroviaria sviluppando soluzioni innovative per la mobilità green. Per realizzare questo percorso abbiamo bisogno di coinvolgere il maggior numero possibile di stakeholder, e l’accordo con ENGIE va esattamente in questa direzione” ha commentato Raphael Bernardelli, Vice President Corporate Strategy di Alstom.

“Dopo aver rifornito di H2 il treno passeggeri Coradia iLint di Alstom che ha svolto i primi test in Olanda nel 2020, siamo felici di poter continuare la nostra collaborazione per decarbonizzare anche il trasporto ferroviario merci in Europa” ha aggiunto Sébastien Arbola, Executive Vice President per le attività di Thermal Generation, Hydrogen & Energy Supply di ENGIE.