Altri 7 bus a idrogeno per la flotta di Transports Metropolitans de Barcelona (TMB)

A distanza di circa 6 mesi dalla consegna del primo bus a idrogeno, fornito da CaetanoBus, la società Transports Metropolitans de Barcelona (TMB) si prepara ad inserire nella sua flotta di mezzi per il TPL altre sette unità con alimentazione ad H2.

L’arrivo dei primi 4 bus è avvenuto ieri (30 maggio; ndr), mentre gli altri 3 seguiranno nel corso di giugno. Tutti i nuovi mezzi affiancheranno il primo esemplare a idrogeno sulla linea XPRESBus, che collega il centro città con i nodi intermodali di Francesc Macià i Glòries. Inoltre, entro il 2025 TMB incorporerà fino a 60 veicoli con questa tecnologia a emissioni zero, come annunciato – riporta Ferpress – dalla Presidente della società Laia Bonet, durante il convegno ‘Mobilità sostenibile con l’idrogeno’, che si è tenuto nei giorni scorsi nella capitale catalana.

Il significativo aumento dei veicoli a idrogeno nel parco autobus è in linea con la trasformazione che l’azienda sta già compiendo e che la renderà leader nella mobilità sostenibile: TMB, sulla base del proprio Piano Strategico 2025, ha rafforzato l’acquisizione di veicoli più sostenibili per ridurre al minimo l’impatto del trasporto in autobus sull’ambiente.

Puntando a questo obbiettivo, entro il 2024 la flotta sarà dotata di 210 veicoli ibridi a gas naturale, 154 elettrici e 46 di idrogeno. Il tutto nell’ambito di un piano di investimenti al 2026 che vale complessivamente 410 milioni di euro.

L’efficienza dei nuovi bus ad H2 si sarebbe peraltro già dimostrata migliore del previsto: il primo esemplare consegnato a dicembre 2021 è entrato in servizio lo scorso aprile con una previsione di consumo di 9 kg di H2 ogni 100 km, che in realtà è rimasta a 6,82 kg/100 km, anche se per l’estate è previsto un aumento dei consumi di circa il 40% che porterà la media ponderata nell’anno a 7,51 kg/100 km.