Anche gli USA puntano sulle ‘hydrogen valley’: il Dipartimento dell’Energia avvia il programma H2Hubs

Il Dipartimento dell’Energia del Governo USA (DOE) ha pubblicato ieri una Notice of Intent (NOI) relativa al finanziamento del programma da 8 miliardi di dollari previsto dalla Bipartisan Infrastructure Law e finalizzato allo sviluppo di hub regionali per l’idrogeno pulito, definiti H2Hubs.

L’iniziativa – si legge in una nota del DOE – mira a creare una serie di snodi sul tarritorio nazionale in cui insediare produttori di H2, consumatori e infrastrutture di collegamento per accelerare l’uso di questo vettore energetico. Un modello sostanzialmente analogo a quello che in Europa è stato identificato con il termine ‘hydrogen valley’.

L’idrogeno e il suo utilizzo innovativo nel settore industriale vengono considerati un elemento determinante della strategia messa a punto dal Dipartimento dell’Energia per raggiungere gli obbiettivi ambientali fissati dal Presidente americano Joe Biden e consentire al Paese di diventare ‘net-zero’ entro il 2050.

“L’idrogeno ha il potenziale per ridurre le emissioni di molti settori carbon-intensive e offre nuove opportunità di sviluppo e di occupazione in tutto il Paese” ha commentato il Segretario all’Energia Jennifer M. Granholm. “Gli hub dell’idrogeno che verranno realizzati nell’ambito di questo programma consentiranno alla visione ambientale del Presidente Biden di compire un deciso passo avanti nella direzione di una rete energetica alimentata da fonti pulite e realizzata da lavoratori americani”.

Gli investimenti pubblici nel settore dell’idrogeno previsti dalla Bipartisan Infrastructure Law sono una componente essenziale del piano di Washington per decarbonizzare il comparto industriale, da cui hanno origine un terzo di tutte le emissioni nazionali di CO2.

Il DOE precisa quindi che la scelta delle ubicazioni per i futuri hub dell’H2 verrà effettuata in collaborazione con tutti gli enti competenti, tenendo in considerazione diversi fattori e coinvolgendo le comunità locali.

Sarà poi il Dipartimento a selezionare le proposte sulla base delle opportunità di occupazione, delle potenzialità di utilizzo dell’H2 prodotto e anche della diversificazione geografica. La NOI emanata in questi giorni fornisce le informazioni necessarie e le direttive di questa iniziativa, la cui implementazione sarà supportata degli uffici interni Clean Energy Demonstration e Hydrogen and Fuel Cell Technologies.

Questo programma finanziato tramite la Bipartisan Infrastructure Law consolidata la strategia del DOE, che nel 2021 aveva già lanciato l’Hydrogen Shot, con l’obbiettivo di far scendere il costo dell’idrogeno pulito a 1 dollaro per Kg entro 10 anni.