Bureau Veritas certifica i primi regolatori di pressione del gas (di Pietro Fiorentini) utilizzabili con miscele di H2 al 20%

Bureau Veritas è il primo gruppo internazionale a certificare un’inedita tipologia di regolatori di pressione del gas ad azione diretta a doppio stadio, utilizzabili anche per miscele contenenti sino al 20% di idrogeno.

Questa certificazione, che – spiega la società francese – è frutto di una collaborazione stretta con l’azienda italiana Pietro Fiorentini, è oggi pienamente disponibile dopo che nel mese di luglio è stato completato il percorso di verifica di conformità di prodotto.

Il processo di valutazione di conformità di prodotto è stato condotto, configurandosi come una vera e propria anteprima a livello mondiale, seguendo la procedura Bureau Veritas prevista per l’emissione del Type Approval per attuatori e valvole operanti con idrogeno o miscele di idrogeno. All’interno del documento sono descritte le modalità di ispezione e le specifiche di certificazione, che sono personalizzabili in relazione alla tipologia di prodotto e ai materiali utilizzati. La procedura evidenzia inoltre la necessità di studiare i requisiti in base al campo di applicazione, nel rispetto dei codici esistenti e delle normative vigenti.

Con l’obiettivo comune di ridurre le emissioni di CO2, traguardando energia a impatto zero, Bureau Veritas e Pietro Fiorentini hanno collaborato per assicurare al mercato prodotti idonei e sicuri per le reti di distribuzione di gas naturale, adatti a operare anche con miscele di idrogeno funzionali all’utilizzo di fonti energetiche più pulite.

Nello specifico, per l’emissione del Type Approval del regolatore di pressione del gas Mod. FE sono stati seguiti i requisiti della UNI 11655:2016 “Dispositivi di Controllo della Pressione (DCP) – Progettazione, costruzione e collaudo” applicando inoltre la procedura interna sviluppata dal Team Hydrogen Readiness di Pietro Fiorentini. Come gas per la valutazione della tenuta esterna e interna del regolatore è stato utilizzato l’elio.