Cambiano termini e condizioni per la prossima asta della European Hydrogen Bank

Bruxelles ha pubblicato i termini e le condizioni della seconda asta della European Hydrogen Bank, che – come già annunciato in precedenza dalla Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen – si svolgerà entro fine 2024, per assegnare ben 2,2 miliardi di euro a sostegno della produzione di idrogeno rinnovabile, introducendo una serie di novità sostanziali rispetto alla prima asta svoltasi a novembre 2023.

In base alla bozza del documento riguardante Terms and Conditions (T&Cs) appena pubblicata dalla Commissione, ci sono infatti – secondo quanto riferito dall’associazione Renewables Hydrogen Coalition in un post su Linkedin – diversi elementi che differiscono rispetto alla prima asta pilota, quella di novembre scorso (che assegnava circa 800 milioni di euro).

Innanzitutto, il limite del contributo massimo assegnabile per ogni Kg di H2 green prodotto (che ha durata decennale), scende da 4,5 a 3,5 euro. Inoltre, il periodo massimo entro il quale il progetto finanziato deve entrare in attività passa da 5 a 3 anni dall’ottenimento delle risorse.

Altre novità riguardano la ‘garanzia di completamento’, che sale dal 4% al 10% del valore complessivo stimato del contributo, e la previsione di un budget specifico riservato a quei progetti di produzione di idrogeno rinnovabile che prevedono, come off-taker, operatori del settore marittimo.

Infine, si prevede l’obbligo, da parte dei partecipanti, di fornire informazioni più dettagliate sull’origine degli impianti di elettrolisi utilizzati e sulla catena di approvvigionamento delle tecnologie.

Pubblicato il documento (consultabile integralmente a questo link), la Commissione è disponibile – spiega ancora la Renewable Hydrogen Coalition – a ricevere feedback in forma scritta fino al 6 giugno prossimo, in previsione di una consultazione degli stakeholder interessati, per discutere termini e condizioni della prossima asta della European Hydrogen Bank, programmata per il 12 giugno.