Cummins e Westport Fuel Systems sciolgono la loro jv ma continuano a collaborare sull’idrogeno

L’azienda americana Cummins e quella canadese Westport Fuel Systems – presente anche in Italia con propri stabilimenti produttivi in Piemonte – non saranno più soci, ma continueranno comunque a collaborare in tema di applicazioni dell’idrogeno in ambito mobilità.

La due aziende hanno infatti annunciato con una nota che Cummins rileverà le quote detenute da Westport nella joint venture Cummins-Westport – frutto di un accordo la cui validità era terminata a dicembre 2021 – la quale passerà sotto il controllo esclusivo di Cummins che continuerà a gestirne le attività come unico proprietario.

Nell’ambito di questa operazione, Cummins acquisterà anche la quota di proprietà intellettuale posseduta da Westport Fuel Systems nell’ambito della JV e sviluppata dalla stessa a supporto delle applicazioni su motori ad accensione comandata, con un ricavo per Westport pari a 20 milioni di dollari.

Cummins e Westport Fuel Systems – però – hanno nella stessa occasione concordato di condurre una valutazione tecnica iniziale della tecnologia H2-HPDI (hydrogen high-pressure direct injection system) di Westport per valutare un potenziale utilizzo nelle applicazioni a idrogeno di Cummins.