De Nora è partner di cinque progetti sull’idrogeno green finanziati dal Governo americano

L’azienda italiana De Nora è partner di ben 2 dei 52 progetti sulle tecnologie per l’idrogeno verde che il Governo degli Stati Uniti ha deciso di finanziare con complessivi 750 milioni di dollari nell’ambito dell’implementazione della Bipartisan Infrastructure Law’, uno dei quali è guidato da thyssenkrupp nucera, joint-venture tra il colosso industriale tedesco thyssenkrupp e la stessa De Nora.

Quest’ultimo è denominato ScalumGW e vede appunto come promotore thyssenkrupp nucera USA Inc., filiale americana della jv italo-tedesca, al fianco di De Nora Technologies, LLC, a sua volta branch a stelle e strisce dell’aziende italiana.

L’iniziativa, che rientra nel Topic 1 del programma di finanziamento, ‘Low-Cost, High-Throughput Electrolyzer Manufacturing’, riceverà ben 50 milioni di dollari per sviluppare e dimostrare innovazioni finalizzate a rendere possibile la produzione industriale su larga scala di elettrolizzatori alcalini in grado di rispettare gli standard di performance stabiliti dal Dipartimento dell’Energia USA.

In tal modo – sottolinea thyssenkrupp nucera in una nota – il modulo di elettrolisi scalum® da 20 MW potrà essere prodotto e commercializzato non solo in Europa, ma anche sul mercato nordamericano.

“La transizione del modello produttivo degli elettrolizzatori da semi-manuale a completamente industrializzato e in grado di servire progetti per la generazione di H2 green su scala GW è un fattore essenziale per posizionare al meglio il nostro business nel marcato deli Stati Uniti” ha commentato Werner Ponikwar, CEO di thyssenkrupp nucera. “Attualmente stiamo selezionando il sito ideale per questa iniziativa, che deve svilupparsi vicino ai nostri clienti e sfruttare la forza lavoro americana, per integrarci come parte della comunità economica locale. Siamo grati al Dipartimento dell’Energia per la fiducia che ci ha concesso e per il supporto, che sottolinea il ruolo strategico della nostra tecnologia nel raggiungimento degli obbiettivi della transizione energetica”.

Ma De Nora – tramite De Nora Technologies – risulta essere fra i partner anche di altri 4 dei 52 progetti finanziati da Washington: si tratta delle iniziative denominate ‘Advanced Electrodes for Stable, High-Performance, Alkaline-Exchange-Membrane Electrolyzers without Supporting Electrolyte’ (parte del Topic 3: Advanced Electrolyzer Technology and Component Development) e guidata dalla University of Oregon, che riceverà 4,7 milioni di dollari per migliorare la durabilità degli elettrodi impiegati negli elettrolizzatori alcalini; ‘Alkaline stable, non-porous, anion exchange ionomer and membrane separator scale-up for liquid alkaline electrolysis’ (parte del Topic 2: Electrolyzer Component and Supply Chain Development); ‘Durable, Ultra-Thin Diaphragms for Liquid Alkaline Water Electrolysis’ (Topic 3: Advanced Electrolyzer Technology and Component Development); ‘Nanofiber-based Separator for Liquid Alkaline Electrolyzer’ (Topic 2: Electrolyzer Component and Supply Chain Development).