ENEA e MISE insieme per coordinare lo sviluppo di una filiera nazionale dell’idrogeno

Coordinare il sistema dell’industria, della ricerca nazionale e delle pubblica amminsitrazione nella creazione di una filiera italiana dell’idrogeno, sfruttando anche l’opportunità offerta dall’Importante Progetto Comune di Interesse Europeo (IPCEI – Important Project of Common European Interest).

È questo l’obiettivo dell’accordo di collaborazione sottoscritto oggi da Mario Fiorentino, Direttore generale della Direzione generale per la politica industriale, l’innovazione e le piccole e medie imprese del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) e da Giorgio Graditi, Direttore del Dipartimento ENEA (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile) di Tecnologie energetiche e fonti rinnovabili (TERIN). L’intesa prevede una stretta collaborazione tra i due enti, nel ruolo di coordinatore dell’IPCEI, per sviluppare congiuntamente attività e iniziative per la promozione della catena strategica di valore delle tecnologie e dei sistemi a idrogeno e per il lancio di progetti europei nel settore.

“Questo accordo strategico ci consentirà di unire le forze per coniugare ancora di più la capacità di offerta e di sviluppo tecnologico della ricerca e delle università con la domanda di innovazione che arriva dall’industria – ha sottolineato Giorgio Graditi – con l’obiettivo di accrescere la competitività del made in Italy e sviluppare processi e prodotti innovativi per costruire sistemi energetici resilienti, efficienti, flessibili e sicuri e accelerare la transizione ecologica”.

Tra le azioni prioritarie dell’accordo, la costituzione della “Task Force Idrogeno”, una struttura di supporto alla gestione dello strumento IPCEI, che ne individui gli obiettivi e i criteri generali di funzionamento e ne persegua il coordinamento degli indirizzi strategici, al fine di valorizzare l’intera catena del valore dell’idrogeno.

Il MISE, nell’ambito della Direzione generale per la politica industriale, l’innovazione e le piccole e medie imprese, coordinerà le Direzioni generali e le industrie coinvolte nelle varie fasi autorizzative e di implementazione dei progetti, anche tramite la costituzione di un gruppo di lavoro congiunto con l’ENEA. Spetteranno al Ministero – si legge nella nota congiunta – anche le funzioni decisorie e di iniziativa, vigilanza e controllo in ordine alle attività da realizzare, in attuazione delle politiche europee volte alla promozione delle catene del valore strategiche e dello sviluppo della competitività del sistema imprenditoriale, attraverso la promozione della ricerca e dell’innovazione.

Da parte sua l’ENEA, grazie all’esperienza del dipartimento TERIN, affiancherà il MISE nel cogliere le opportunità di sviluppo competitivo che l’IPCEI offre al sistema industriale nel settore idrogeno. In particolare, l’agenzia fornirà il proprio contributo svolgendo attività di studio, analisi, consulenza e assistenza per integrare e supportare sul piano tecnico-scientifico il MISE nell’avvio, la gestione e il completamento dell’IPCEI anche attraverso la partecipazione a gruppi di lavoro, commissioni, comitati e tavoli nazionali ed europei, l’elaborazione di pareri tecnico-scientifici per l’implementazione del regolamento di esecuzione dell’IPCEI e il supporto nella redazione dei rapporti annuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.