FNM mette a gara la fornitura di idrogeno destinato ai treni della Valcamonica

Presentano il primo treno a idrogeno, realizzato da Alstom (che debutterà con le prime corse di prova nel 2024), e appaltata la costruzione delle 3 refueling station ferroviarie che dovranno sorgere a Brescia, Iseo ed Edolo, FNM ha compiuto un nuovo passo fondamentale per lo sviluppo del progetto H2iseO, che prevede la creazione della prima hydrogen valley ferroviaria in Valcamonica.

L’azienda lombarda ha infatti pubblicato, già da alcune settimane, un bando del valore complessivo di oltre 30 milioni di euro, relativo alla forniture dall’H2 che dovrà alimentare i suoi convogli (e in un secondo momento anche bus) a fuel cell.

Come si legge sulla documentazione ufficiale, pubblicata sul sito di FNM, la procedura è relativa ad un “Accordo Quadro per la fornitura di idrogeno fuel cell grade per trazione ferroviaria e stradale”. Il primo Contratto Applicativo, l’unico per il momento garantito, prevede “la fornitura di idrogeno rinnovabile ferroviario per un quantitativo pari a 87.429,00 kg per il secondo e il terzo trimestre 2025, con luogo di consegna Iseo (valore 1.272.721,71 euro)”. FNM precisa poi che “il primo contratto applicativo non sarà sottoscritto contestualmente all’Accordo Quadro, ma successivamente, con congruo anticipo, rispetto all’avvio della fornitura”.

Per quanto riguarda le forniture ulteriori comprese nell’Accordo Quadro, che durerà in tutto 6 anni, “ciascun successivo contratto applicativo prevede la fornitura di idrogeno rinnovabile stradale e/o idrogeno stradale ferroviario e/o una combinazione di entrambi ed avrà ad oggetto un quantitativo pari o superiore a 100 tonnellate. L’appalto è costituito da un unico lotto tenuto conto dell’esigenza del settore speciale in cui opera la Stazione Appaltante. Il valore stimato dell’ Accordo Quadro è pari ad 30.015.476,62 euro”.

Il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 12 dicembre prossimo.