Gli armatori propongono una tassa globale sulla CO2 delle navi per finanziare l’uso di H2 e ammoniaca

Gli armatori propongono di tassare le emissioni di CO2 delle navi per favorire la diffusione dei fuel alternativi, tra cui ammoniaca e idrogeno, e dare impulso alla transizione energetica anche nello shipping.

È su questo che – sostanzialmente – si basa la proposta rivolta dall’ICS (International Chamber of Shipping), organizzazione che rappresenta le associazioni nazionali degli armatori mondiali e oltre l’80% della flotta mercantile, all’International Maritime Organizzation (IMO), la ‘divisione’ marittima dell’ONU.

L’obbiettivo sarebbe quello – si legge in una nota – di tassare le navi che commerciano a livello globale, superiori a 5.000 tonnellate di stazza lorda, per ogni tonnellata di CO2 emessa, e con il denaro raccolto costituire un ‘Fondo IMO per il Clima’ con cui incentivare la diffusione dei nuovi fuel green (attenuando il delta di prezzo con i combustibili fossili tradizionali) e finanziare anche l’implementazione di un’infrastruttura per il bunkeraggio di idrogeno e ammoniaca nei principali porti del mondo.

L’industria marittima – sostengono gli armatori – è pronta a commissionare ai cantieri navi a zero emissioni da portare in acqua entro il 2030, ma i fuel zero carbon non sono disponibili in commercio nella misura necessaria per la flotta globale: la tassa sul carbonio proposta dall’ICS ha proprio lo scopo di accelerare la creazione di un mercato che renda praticabile il trasporto marittimo a emissioni zero.

Il modello di funzionamento del fondo dovrebbe replicare quello previsto per un altro fondo, dedicato alla ricerca e sviluppo in tema di riduzione delle emissioni in ambito marittimo e caratterizzato da una dotazione di 5 miliardi di dollari, che l’IMO dovrebbe approvare in una riunione fissata il prossimo novembre, dopo la COP26.

Guy Platten, segretario generale di ICS, ha commentato: “Ciò di cui ha bisogno il trasporto marittimo è una misura basata sul mercato veramente globale come questa che ridurrà il divario di prezzo tra i combustibili a zero emissioni di carbonio e i combustibili convenzionali. Il rapido sviluppo di un tale meccanismo è ora una necessità vitale se i governi devono abbinare le azioni alla retorica e dimostrare una leadership continua per la decarbonizzazione del trasporto marittimo”.

“Non c’è dubbio che i miglioramenti tecnologici possono consentire la transizione verso la navigazione a zero emissioni. Tuttavia, se vogliamo raggiungere i livelli di prontezza necessari per l’implementazione su larga scala, devono ancora essere compiuti enormi passi avanti. Ciò include la costruzione dell’infrastruttura necessaria per supportare tale transizione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.