Gozzi (Duferco): “Serve un fondo europeo per sostenere la decarbonizzazone dell’industria”

L’industria pesante non può essere elettrificata e quindi ha bisogno di fuel green come il biometano con cui sostituire i combustibili fossili attualmente utilizzati, in attesa che l’idrogeno diventi una realtà. Ma per dar vita a questo processo servono risorse pubbliche consistenti, magari raccolte in un apposito fondo europeo finalizzato a sostenere la decarbonizzazione di questi comparti.

È l’opinione di Antonio Gozzi, Presidente del gruppo Duferco, che in un’intervista a Il Sole 24 Ore – in parte riportata sul sito istituzionale dell’azienda – spiega: “Dall’UE deve arrivare un ‘industrial transition fund’. L’Europa deve seriamente affrontare, predisponendo opportune risorse, un fondo per la transizione industriale che aiuti i settori più esposti a realizzare i progetti di decarbonizzazione”. Altrimenti – secondo Gozzi – il rischio, già oggi decisamente concreto, è che si verifichino chiusure e delocalizzazioni: “È appena giunto il grido di dolore della ceramica, che dice che i suoi impianti vanno a gas e non si può elettrificare tutto e subito. C’è il rischio che produzioni che sono un’eccellenza assoluta del nostro Paese, se ne vadano. Vale per la ceramica ma anche per la carta e per i cementifici. L’elettrosiderurgia, che rappresenta l’80% dell’acciaio prodotto in Italia, è più avanti, ma ha comunque forni di riscaldo a gas, che non si possono elettrificare”.

Quindi – è la conclusione del numero uno di Duferco – “c’è bisogno di fuel green, come il biometano. Si devono dunque fare investimenti in attesa che l’idrogeno diventi il vettore del futuro. Ma intanto bisogna arrivare al 2030”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.