Grastim e PPG inaugurano ad Alessandria un nuovo impianto di trigenerazione alimentabile anche a idrogeno

Grastim, società italiana (basata a Napoli) che sviluppa soluzioni tecnologiche ad alta efficienza per decarbonizzare il sistema industriale, e PPG, multinazionale americana leader nel comparto vernici e rivestimenti per l’automotive, hanno inaugurato una nuova centrale di trigenerazione nello stabilimento Automotive OEM di Quattordio (provincia di Alessandria, Piemonte).

L’impianto, realizzato da Grastim, sarà alimentabile – si legge in una nota – sia a gas naturale che a idrogeno. Il valore dell’accordo è di circa 2,7 milioni di euro e si somma all’investimento già effettuato di altri 2 mln per la centrale di cogenerazione PPG di Caivano (Napoli, Campania), partita nel 2021.

Il nuovo trigeneratore è basato su un motore a combustione interna alimentato a gas naturale da 2,0 MW (ma, come detto, in grado di bruciare anche una quota di H2), una caldaia a recupero a tubi di fumo in grado di produrre 1,1 t/h di vapore ed un assorbitore ad acqua-bromuro di litio da 720 kW che produce acqua refrigerata a 7 gradi.

Grastim stima che il nuovo impianto opererà con un’efficienza globale del 75% e consentirà di ridurre i costi energetici di circa il 13%. Questo inedito assetto energetico dello stabilimento, rispetto al precedente, avrà importanti riflessi ambientali: la nuova centrale, grazie all’elevata efficienza globale, consentirà una riduzione di impatto ambientale quantizzabile in 1.330 tonnellate di CO2/anno.