H2IT e Intesa Sanpaolo insieme per accelerare lo sviluppo delle start-up sull’idrogeno: nasce INNOVAHY

A pochi giorni dal lancio di HyAccelerator, incubatore di start-up sull’idrogeno lanciato da Snam, anche H2IT, l’associazione italiana dell’idrogeno e delle celle a combustibile, e Intesa Sanpaolo – tramite il suo Innovation Center – hanno tenuto a battesimo un’iniziativa di analogo tenore, presentando INNOVAHY.

Il progetto – si legge in una nota – nasce con l’obiettivo di dare un significativo impulso allo sviluppo della filiera italiana dell’H2 tramite attività congiunte tra H2IT e Intesa Sanpaolo Innovation Center rivolte a nuove realtà e startup, favorendone lo sviluppo e incoraggiando così la nascita di altre. Inoltre, la partnership mira a valorizzare i progetti in via di sviluppo che coinvolgono Università, competence center, startup e PMI innovative attraverso iniziative ad hoc (ad esempio, workshop, attività di comunicazione, award, ecc.).

La collaborazione tra Intesa Sanpaolo Innovation Center e H2IT sarà poi utile – aggiungono i due partner – anche per identificare i soggetti della filiera idrogeno e per stimolarne i processi d’innovazione, sostenibilità e gli investimenti, oltre che per promuovere iniziative per l’interazione tra start up e fornitori di tecnologia con PMI, grandi aziende e investitori, al fine di affrontare le sfide tecnologiche del settore.

Intesa Sanpaolo, peraltro è stata la prima banca italiana ad aderire alla European Clean Hydrogen Alliance (ECHA) lanciata a luglio 2020 dalla Commissione Europea.

“Idrogeno e innovazione sono un binomio naturale. La ricerca e lo sviluppo legati al suo impiego in moltissimi campi rappresentano la norma per quanti fanno impresa in quel settore. La collaborazione tra Intesa Sanpaolo Innovation Center – ha commentato il suo Presidente, Maurizio Montagnese – e l’associazione H2IT è un’opportunità che sono certo sapremo sfruttare al meglio per accompagnare le imprese in questo cammino di crescita. Il gruppo Intesa Sanpaolo è da sempre in prima fila per accelerare la transizione energetica di molti settori produttivi e l’Innovation Center offrirà tutto il supporto necessario a PMI innovative e start-up attive su questo fronte”.

Per raggiungere i suoi obiettivi, INNOVAHY potrà contare sulle competenze e conoscenze tecniche di H2IT e dei suoi soci, oggi circa 90, nonché sull’esperienza di Intesa Sanpaolo Innovation Center nel selezionare e supportare l’accelerazione, la professionalizzazione, lo scale up internazionale e il supporto nel fundraising di nuove idee imprenditoriali.

“L’innovazione è un asset fondamentale per dare una spinta alla crescita del mercato dell’idrogeno e rafforzare la competitività del comparto industriale italiano” ha aggiunto Alberto Dossi, Presidente di H2IT. “Le PMI, così come le start up, giocano un ruolo molto importante nello sviluppo di questo settore, perché sono più reattive grazie a procedure interne più snelle, sono in grado di attrarre investimenti e di generare e consolidare competenze. Per questo H2IT si è posta l’obiettivo di coinvolgere sempre più queste realtà innovative, per accompagnarle nel percorso di inserimento nella filiera dell’idrogeno. E la collaborazione con Intesa Sanpaolo Innovation Center va proprio in questa direzione, potendo contare da un lato sulla loro esperienza nel supportare le giovani società preparandole al confronto con il mondo industriale e con gli investitori, dall’altro sull’ampio bagaglio tecnico e del network di H2IT”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *