H2IT informa – Le ultime notizie dall’Associazione Italiana Idrogeno

-PUBBLIREDAZIONALE-

Il 14 maggio, in occasione del World Hydrogen Summit di Rotterdam, H2IT ha firmato il Cooperation Charter delle associazioni nazionali dell’idrogeno europee, organizzato da Hydrogen Europe.

La carta di cooperazione mira a rafforzare gli sforzi congiunti per stabilire condizioni favorevoli per una leadership europea nelle tecnologie dell’idrogeno. Attraverso il documento firmato, le associazioni dei vari stati europei si impegnano a lavorare insieme verso obiettivi comuni, attraverso azioni per promuovere la diffusione delle tecnologie dell’idrogeno, la riduzione dei rischi degli investimenti e lo sviluppo di capacità produttiva.

Di seguito i punti chiave dell’impegno preso:

•             Guidare il percorso verso la neutralità carbonica in Europa entro il 2050 e sostenere attivamente l’agenda del Green Deal, promuovendo l’uso diffuso dell’idrogeno e delle tecnologie connesse.

•             Trovare un sostegno politico globale alle tecnologie dell’idrogeno a livello nazionale, regionale ed europeo per garantire il successo della loro implementazione.

•             Lavorare a stretto contatto per facilitare la creazione di un mercato dell’idrogeno pulito e lo sviluppo di competenze sulla base di un approccio tecnologico aperto, che incoraggi innovazione e competizione.

•             Facilitare e sostenere l’effettiva integrazione della legislazione europea nei quadri nazionali, promuovendone l’armonizzazione in tutta Europa, al fine di facilitare lo sviluppo di un mercato europeo dell’idrogeno.

•             Condurre tutte le nostre attività legate alla promozione delle tecnologie dell’idrogeno con la massima integrità, trasparenza e legittimità, nel rigoroso rispetto dello statuto e dell’etica di Hydrogen Europe.

Infine, diamo il benvenuto ai nostri nuovi soci, che con le loro esperienze e competenze contribuiranno ad arricchire la filiera di H2IT, verso una transizione energetica sostenibile!

Nuovi soci

Cavagna group

Fin dalle sue origini Cavagna Group si impegna per fornire le migliori soluzioni per la gestione in sicurezza di qualsiasi tipologia di gas. Tale obiettivo implica una conoscenza approfondita delle caratteristiche di ciascuno per riuscire a sviluppare prodotti non solo compatibili ma specialistici.

Ecco, quindi, che l’introduzione dell’idrogeno tra le molecole trattate da Cavagna Group ha richiesto studi e ricerche fondate sul proprio know-how arrivano a sviluppare prodotti per ogni fase della catena di approvvigionamento: dalla progettazione impiantistica fino alla distruzione domestica e industriale.

Questo risultato è stato possibile anche grazie all’unione tra le varie divisioni e aziende che compongono il Gruppo dando un importante segno di apertura e sostegno verso le nuove molecole.

COMAU

Nell’ambito del suo impegno volto a facilitare la creazione di energia a zero emissioni, Comau ha realizzato anche delle innovative tecnologie per automatizzare la produzione e il consumo di idrogeno verde tramite elettrolizzatori e celle a combustibile, che vengono utilizzate da diverse clienti, in Europa, Stati Uniti e Cina.

Più in generale, Comau è impegnata nell’industrializzazione dei processi di produzione di tutte quelle tecnologie necessarie per l’adozione su larga scala dell’idrogeno. In questo contesto, Comau sta sviluppando un portafoglio proprietario di soluzioni in grado di automatizzare le fasi chiave della produzione, tra cui la preparazione delle celle, l’impilamento, la compressione, la saldatura, il test di tenuta e altro ancora. Ciò consentirà alle aziende di aumentare i propri volumi, migliorando al tempo stesso la qualità del prodotto e diminuendo i costi di produzione.

razie all’ingresso in questo consorzio e alla collaborazione con le realtà che ne fanno parte, Comau vuole dare un contributo concreto all’accelerazione dell’adozione su vasta scala dell’idrogeno come fonte energetica sostenibile.

Mott Macdonald

Mott MacDonald Italy Srl è la filiale italiana del gruppo Mott MacDonald Limited, società globale di consulenza gestionale, ingegneristica e di sviluppo che conta circa 20.000 dipendenti ed opera in diversi settori, tra i quali Energy, Buildings, Transportation, Environment, Water, Industry e Health. Mott MacDonald Italy Srl, con sede a Genova, si inserisce all’interno di questo gruppo ed è specializzata nel settore Energy.

L’idrogeno è un aspetto integrante del futuro mix energetico, tuttavia la catena del valore è complessa. Mott MacDonald Limited è molto attiva e ha solide credenziali lungo tutta la catena del valore dell’idrogeno, compresi la produzione, il trasporto, lo stoccaggio e l’uso finale dell’idrogeno verde.

In qualità di società di consulenza ingegneristica indipendente, il gruppo supporta clienti e parti interessate nell’esplorazione di soluzioni convenzionali e opzioni innovative per la transizione verso un futuro energetico green. Il team multidisciplinare di Mott MacDonald Limited è capace di offrire servizi di consulenza lungo tutto il ciclo di vita di un progetto, dal concept development ai servizi di supporto in fase di decomissioning.

Mussari

La Mussari SRL, fondata nel 1975 da Salvatore Mussari, ha un ruolo di primo piano nel settore dell’idrogeno grazie alla produzione di tubi senza saldatura tramite trafilatura a freddo.
Questi tubi sono essenziali per applicazioni a media e alta pressione legate all’idrogeno, offrendo un’elevata omogeneità strutturale, resistenza meccanica, resistenza alla corrosione e malleabilità.
L’azienda ha guadagnato una notevole espansione di mercato grazie alla sua capacità di soddisfare la crescente domanda di tubi inossidabili trafilati nel settore emergente dell’idrogeno, anche con la disponibilità a magazzino, quindi tempi di consegna tempestivi anche per piccole quantità.
Nonostante le sfide, come per esempio la fragilità del materiale a causa dell’assorbimento di idrogeno nel tempo, la Mussari SRL ha dimostrato un know-how consolidato, sviluppando soluzioni avanzate e materiali di alta qualità selezionati con cura attraverso la loro esperienza di 50 anni nel settore.

Renael

La Rete Nazionale delle Agenzie Energetiche Locali svolge il ruolo di facilitatore dell’innesto di processi e progetti innovativi nell’ambito della transizione energetica, agevolandone il funzionamento e armonizzandolo tra mondo pubblico, privato e terzo settore, oltre a mantenere un costante e attivo dialogo con le Istituzioni regionali e nazionali.

Le Agenzie energetiche della Rete, in quanto tali convogliano l’expertise e le competenze tecniche sviluppate nel corso della loro attività in materia di produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili ed efficientamento energetico.

La Rete Nazionale delle Agenzie Energetiche Locali svolge il ruolo di facilitatore dell’innesto di processi e progetti innovativi nell’ambito della transizione energetica e sostenibile, agevolandone il funzionamento e armonizzandolo tra mondo pubblico, privato e terzo settore, oltre a mantenere un costante e attivo dialogo con le Istituzioni regionali e nazionali.

Le Agenzie energetiche della Rete, in quanto tali convogliano l’expertise e le competenze tecniche sviluppate nel corso della loro attività in materia di produzione di energia da fonti energetiche rinnovabili, di efficientamento energetico e adattamento ai cambiamenti climatici.

SOLAR IT

Considerata la vocazione di Solar IT Srl all’innovazione e ritenendo la tecnologia a idrogeno estremamente interessante e versatile, i soci titolari hanno deciso di investire nella progettazione, permitting e costruzione di impianti a idrogeno.
In Italia è partita la fase di sviluppo di 2 progetti, che sono già stati venduti agli utilizzatori finali; si tratta nello specifico di:

  1. un Progetto di autotrasporto pubblico nel Nord Italia;
  2. un progetto in Centro Italia, dove 40 Comuni sono coinvolti e dove immetteremo idrogeno in rete per riscaldamento.

Da segnalare che abbiamo l’esclusiva dell’utilizzo di un brevetto internazionale per un innovativo reattore con torcia al plasma e membrane porose sequestranti l’idrogeno, in grado di trasformare ammoniaca in idrogeno e azoto. Tale reattore garantisce una elevata efficienza di conversione dell’ammoniaca in idrogeno ed una sua elevata purezza, temperature di processo tali da consentire l’uso di acciai standard per la costruzione dell’impianto, e bassi livelli di manutenzione.
Siamo pronti a presentare e proporre tali impianti e ad affidarli in gestione ai nostri Clienti, che potranno trarne benefici di tipo economico, di recupero dei reflui azotati (pensiamo ad esempio ad aziende agricole ed allevamenti) e di immagine pubblica.