Honda inizia a produrre negli Stati Uniti il suo suv a idrogeno CR-V e:FCEV

Il gruppo Honda, come previsto, ha avviato ufficialmente presso il suo Performance Manufacturing Center (PMC) ubicato in Ohio la produzione del suv CR-V e:FCEV negli Stati Uniti: si tratta, come ha spiegato la corporation, del primo veicolo leggero a fuel cell costruito in territorio USA, ed anche del primo ad essere equipaggiato con un sistema di celle a combustibile integrato con un pacco batterie ricaricabile in modalità ‘plug-in’.

I tempi di rifornimento dei serbatoi di idrogeno sono paragonabili a quelli del diesel, mentre le batterie possono essere completamente ricaricate in poco meno di 2 ore e consentono un’autonomia di 29 miglia per gli spostamenti a corto raggio.

Ma non è soltanto il veicolo ad essere prodotto negli States: anche le fuel cell di nuova generazione sviluppate da Honda vengono realizzate in America, e nello specifico a Brownstown, in Michigan, da Fuel Cell System Manufacturing, joint-venture tra la stessa Honda e la casa automobilistica General Motors.

Si tratta di celle altamente innovative, che – scrive Honda nella sua nota – garantiscono un più elevato livello di efficienza e una vita utile praticamente raddoppiata rispetto alla precedente generazione, a fronte di un costo ridotto di due terzi.

Un sistema che il colosso automotive del Sol Levante intende impiegare in un ampio range di applicazioni, avendo individuato 4 diversi mercati di sbocco: quello della mobilità privata, quello dei veicoli commerciali (l’azienda ha recentemente presentato, alla fiera Advanced Clean Transportation Expo di Las Vegas, il prototipo di camion a idrogeno Class 8 Hydrogen Fuel Cell Truck Concept), quello delle power station stazionarie (i primi testi in questo ambito sono stati avviati a marzo 2023 in California) e quello dei macchinari da costruzione.