I 159 soci di H2IT riuniti per l’assemblea 2024: strategia nazionale e decreto tariffe tra i temi al centro dell’evento

Il 2024 si preannuncia un anno cruciale per la filiera italiana dell’idrogeno, con molte novità in arrivo che sono state al centro dell’assemblea annuale dei soci (in tutto 159, con i 14 ingressi già registrati nel 2024) di H2IT – Associazione Italiana Idrogeno, svoltasi lo scorso 12 aprile.

Come di consueto, il Presidente Alberto Dossi nel suo discorso ha offerto una panoramica delle attività dell’associazione e un aggiornamento sulle molte novità in vista, ma anche sulle sfide e sulle opportunità che caratterizzano in questa fase il settore dell’H2 nel Belpaese.

In particolare – come ha ricordato il Presidente di H2IT – il 2024 sarà un anno cruciale, poiché sono attualmente in corso i lavori del tavolo coordinato dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica (MASE) per l’elaborazione di una strategia italiana dell’idrogeno, volta a dare impulso al settore, minimizzando il rischio di compromettere gli ingenti investimenti delle imprese. H2IT collaborerà con il Governo per la realizzazione della strategia nazionale, che verrà definita dal MASE, insieme al GSE (Gestore Servizi Energetici), entro luglio 2024.

Tra le altre tematiche di attualità che stano caratterizzando il settore durante quest’anno, e di cui si è parlato nel corso dell’assemblea di H2IT, c’è anche l’uscita della consultazione sul decreto tariffe idrogeno (sostegno agli OPEX), con cui il Governo vuole incentivare la produzione di idrogeno diminuendo il gap di costo rispetto ai combustibili fossili. Su questo fronte, H2IT ha già consegnato un paper dettagliato al dicastero guidato da Gilberto Pichetto Fratin e continuerà a monitorare la situazione dialogando con le istituzioni competenti. 

L’associazione guidata da Dossi sta inoltre lavorando al lancio di un progetto di comunicazione e divulgazione, che ha come obbiettivo quello di avvicinare la popolazione alle tematiche dell’idrogeno.

Durante l’assemblea si è parlato, infine, delle azioni che H2IT può mettere in campo a supporto delle aziende e in collaborazione con gli enti di riferimento per garantire un’efficacie messa a terra dei progetti PNRR al 2026.