Idrogeno verde: Pietro Fiorentini lancia la società specializzata Hyter

Continua a consolidarsi la presenza del gruppo italiano Pietro Fiorentini – uno dei nomi storici dell’industria oil&gas nazionale – nel settore delle tecnologie per l’idrogeno, ambito in cui l’azienda già da tempo si è impegnata direttamente.

Su questo fronte, alcuni mesi fa Pietro Fiorentini è entrata nel capitale sociale di SPI Consulting, startup con sede a Desenzano del Garda che opera nel settore delle energie rinnovabili con una gamma di soluzioni per la generazione di idrogeno verde tramite l’elettrolisi dell’acqua, utilizzando l’innovativa tecnologia AEMWE, ossia con membrane a scambio anionico.

A seguito dell’acquisizione – annuncia ora il gruppo in una nota – è stato avviato un processo di ridefinizione dell’identità aziendale di SPI Consulting, che ha portato a un cambio di nome: dall’unione del termine inglese hydrogen e del latino iter (viaggio) è nata Hyter, la startup che si fa promotrice di nuove rotte verso l’uso dell’idrogeno.

Grazie all’affidabilità tecnica e alla capacità di ingegnerizzazione di Pietro Fiorentini e alla sinergia con MicroPyros BioEnerTec, Hyter mira a diventare il punto di riferimento a livello internazionale per quanto riguarda la produzione di H2 green, ossia generato da fonti rinnovabili, offrendo una gamma di soluzioni applicabili al power to gas, all’alimentazione industriale e residenziale e al comparto mobilità, pesante e civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *