Il Consorzio Industriale del Lazio cerca partner per produrre idrogeno green a Frosinone

Il Consorzio Industriale del Lazio cerca partner per realizzare il progetto avviato insieme all’Università di Cassino e del Lazio Meridionale e a SGI (Società Gasdotti Italia), finalizzato a decarbonizzare l’area industriale di Frosinone con l’idrogeno.

L’ente ha infatti pubblicato un avviso per raccogliere manifestazioni di interesse da parte di aziende interessate a partecipare all’implementazione di questo progetto pilota, definito tramite un accordo siglato nel novembre dello scorso anno dal Presidente del Consorzio Francesco De Angelis, dal rettore Marco Dell’Isola e dall’Amministratore delegato di SGI Federico Frassi, in linea con gli obbiettivi del PNRR e Piano nazionale Energia Clima.

La prima fase del Master Plan – spiega lo stesso Consorzio Industriale del Lazio in una nota – prevede la destinazione di diversi lotti in area consortile per la realizzazione, in fasi successive, di diverse tipologie di impianti e infrastrutture. In particolare, è prevista la realizzazione di un impianto per la produzione di idrogeno verde; uno o più impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile funzionali all’alimentazione di tale impianto; un impianto per lo stoccaggio di idrogeno e un impianto di caricamento di idrogeno su autobotti e/o una stazione di rifornimento per mezzi ad idrogeno. A pieno regime, in base ai dati contenuti negli allegati pubblicati insieme all’avviso, l’elettrolizzatore installato – alimentato da energia rinnovabile addizionale generata da impianti co-localizzati – dovrà essere in grado di produrre fino a 400 tonnellate di H2 all’anno.

La finalità della procedura appena avviata è “la selezione di uno o più partners per la realizzazione del progetto e per lo sviluppo del futuro Parco Tecnologico, in attuazione degli impegni assunti dal Consorzio con l’accordo di cooperazione”. I luoghi individuati dal Consorzio per la realizzazione dell’impianto sono situati in territorio di Patrica ed entrambi sono siti industriali dismessi, e quindi l’iniziativa si candida a ricevere i fondi destinati dal PNRR alla realizzazione di siti di produzione di H2 in questo tipo di spazi.

“Ci siamo assunti un impegno molto importante per il futuro del nostro territorio” ha commentato il presidente del Consorzio Industriale del Lazio Francesco De Angelis. “Abbiamo l’obiettivo di decarbonizzare e di attuare sempre di più una transizione energetica. Si tratta di un percorso lungo e complesso ma oggi obbligatorio, perché la strada che dobbiamo intraprendere deve necessariamente essere sempre di più quella della green economy e dello sviluppo sostenibile. Sia dal punto di vista della difesa del nostro ambiente che da quello più strettamente economico. La guerra in Ucraina ha solo reso più chiaro come il tema delle energie alternative deve essere prioritario nell’agenda di ogni Paese”.

Le proposte devono essere presentate entro e non oltre le ore 13 del 31 maggio 2021.