Il Marocco mette a disposizione 1 milione di ettari di terreni per lo sviluppo di progetti di idrogeno verde

Il Governo del Marocco ha annunciato la decisione di allocare 1 milione di ettari di terreni allo sviluppo di progetti di idrogeno verde.

Lo riporta l’agenzia di stampa Reuters, secondo cui nella fase iniziale di questa iniziativa – attuata dal regno nordafricano per attrarre investitori internazionali – gli spazi messi a disposizione saranno pari a circa 300.000 ettari.

Il primo ministro marocchino ha spiegato in una nota che il Paese è intenzionato “a svolgere un ruolo di primo piano nell’ambito della transizione energetica globale”, e per farlo punta molto sullo sviluppo della filiera dell’idrogeno green, come testimonia questo recente annuncio.

È ancora la Reuters a specificare che i terreni messi a disposizione dal Governo marocchino potranno essere utilizzati per progetti integrati che prevedano la produzione di nuova energia rinnovabile per alimentare gli impianti di elettrolisi, e anche l’eventuale conversione dell’idrogeno green in derivati come ammoniaca, metanolo e fuel sintetici. Nella sua nota il Marocco ha parlato anche di incentivi per gli investitori, senza tuttavia fornire ulteriori dettagli a riguardo, e ha aggiunto che l’offerta è rivolta si alla produzione di H2 per consumo interno sia per esportazione. Oltre 100 investitori internazionali – ricorda la Reuters – hanno già manifestato interesse a produrre idrogeno verde in Marocco, Paese che punta a capitalizzate le sue abbondanti risorse naturali in termini di sole e vento proponendosi come un futuro hub internazionale dell’H2.