Il Politecnico di Torino presenta il primo corso di laurea magistrale dedicato all’idrogeno

Partirà il prossimo settembre il primo corso di laurea magistrale focalizzato sulla value chain dell’idrogeno. A darne notizia è il Politecnico di Torino, che guida il progetto HySET – Hydrogen Systems and Enabling Technologies di cui gli altri partner sono il Politecnico di Milano, la Eindhoven University of Technology (Olanda), la Norwegian University of Science and Technology (Norvegia) e Universitat Politècnica de Catalunya (Spagna), e il cui obbiettivo è proprio quello di progettare un percorso di laurea magistrale erogato congiuntamente dai diversi partner (joint Master of Science) interamente dedicato alla filiera dell’H2.

Il Master of Science è stato inizialmente promosso da Snam (Italia), che ha coinvolto università e partner industriali nel consorzio, ed ora ricopre il ruolo di Partner associato insieme ad altri importanti player operanti nel settore energetico, quali Repsol (Spagna), Shell (Paesi Bassi) e Sintef (Norvegia), insieme all’azienda esperta in sicurezza e affidabilità Safetec (Norvegia).

La strategia dell’Unione Europea – ricorda il Politecnico di Tornino nella sua nota – prevede di raggiungere gli obiettivi della decarbonizzazione per il 2050 grazie all’aumento del 24% dell’uso dell’idrogeno, contribuendo così a una riduzione di CO2 pari a 560 Mt e ottenendo movimenti economici pari a 820 miliardi di euro: per raggiungere tale obiettivo ha previsto di creare circa 1 milione di posti di lavoro di alto profilo entro il 2030, con una previsione di 5.4 milioni per il 2050.

In questo contesto, lo scopo principale di HySET è quindi quello di formare professionisti e ricercatori con una conoscenza multidisciplinare nel settore dell’idrogeno e dei relativi sistemi, grazie a un training in ambiente internazionale e multiculturale, allo scopo di stimolare una collaborazione globale capace di rispondere alle complesse sfide derivanti dalla transizione energetica. La cooperazione attiva tra accademia e azienda è uno dei punti di forza del programma, che prevede inoltre il coinvolgimento di ulteriori partner accademici e industriali.

HySET intende coprire l’intera value chain dell’idrogeno: tecnologie di produzione, tecnologie di stoccaggio, trasporto/logistica/infrastrutture per l’idrogeno, usi finali dell’idrogeno (stazionario, trasporti, industria, residenziale e fuel cell), sicurezza, codici e standard, includendo anche quegli aspetti socio economici che possono derivare da una transizione all’uso dell’idrogeno.

La prima edizione del Master of Science HySET sarà varata nel settembre 2023, proseguirà per 4 edizioni con supporto della Unione Europea – che finanzierà 15 borse di studio ogni anno per un totale di 60 – e proseguirà negli anni successivi con fondi a erogazione pubblica e privata.

Il programma è organizzato in 120 crediti: nel primo anno gli studenti selezionati acquisiranno le conoscenze fondamentali e quelle industriali, studiando in uno dei due entry point universitari (Politecnico di Torino e Politecnico di Milano); al secondo anno gli studenti si trasferiranno presso una delle università partner dove seguiranno corsi di specializzazione, per poi procedere con un tirocinio aziendale e la tesi finale in ambito internazionale.

Il progetto è stato finanziato nell’ambito del programma europeo Erasmus+, all’interno della call del 2022 dell’Azione KA2 – EMJM dedicata a percorsi accademici erogati congiuntamente da partenariati di università.