Il porto di Ravenna partecipa al progetto Hyseport per studiare l’impiego di idrogeno verde nelle attività dello scalo

C’è anche il porto di Ravenna tra i partner di Hyseport, proposta progettuale che mira a ridurre le emissioni degli scali marittimi grazie all’utilizzo di nuove tecnologie, compresa la produzione e l’impiego di idrogeno verde.

L’iniziativa, coordinata dall’Autorità Portuale di Siviglia, è stata presentata nei giorni scorsi in risposta al bando Europeo Horizon 2020 Green Deal LC-GD-5-1-2020 e vede la partecipazione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Centro Settentrionale (l’ente che governa lo scalo ravennate) insieme a molti altri soggetti istituzionali, scientifici e imprenditoriali di diversi Paesi, tra cui Italia, Spagna, Francia, Belgio, Olanda e Grecia.

Nell’ambito di Hyseport, l’AdSP romagnola – spiega la stessa authority in una nota – parteciperà agli studi inerenti all’utilizzo dell’idrogeno come fonte di energia pulita e all’implementazione di un elettrolizzatore collegato a un sistema di elettrificazione delle banchine.

Oltre al Autorità di Sistema Portuale prenderanno parte al progetto altri due soggetti locali, ovvero la Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica e la Società SAPIR – Porto Intermodale Ravenna: quest’ultima testerà un sistema di smistamento dei vagoni innovativo, che prevede l’utilizzo di un locomotore telecomandato e alimentato a batterie, che può comporre treni all’interno del terminal.

Se Hyseport sarà ammesso al finanziamento europeo, le attività del progetto avranno inizio già nel corso del 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.