In Germania il 90% degli attuali gasdotti potrà essere convertito al trasporto di idrogeno

In Germania 11 TSO (Transmission System Operator) hanno messo a punto un progetto per una rete di condotte da quasi 6.000 Km dedicata all’idrogeno, nell’ambito della strategia nazionale dell’H2 varata alcune settimane fa dal Governo di Berlino.

A darne notizia è GIE – Gas Infrastructure Europe, che sul proprio profilo Twitter ha fornito alcune informazioni riguardo questo progetto, delineato dagli operatori tedeschi e basato sul concetto – più volte espresso esplicitamente dalla stessa GIE – di utilizzare l’attuale rete del gas metano per trasportare e distribuire idrogeno.

E infatti, il network dell’H2 immaginato dai TSO tedeschi, lungo in totale 5.900 Km, sarebbe costituito per il 90% dall’esistente rete dal gas, sottoposta ai necessari interventi di adattamento. Direzione, quella dell’adattamento dei gasdotti esistenti al trasporto di idrogeno, indicata chiaramente anche da Bruxelles nella sua Hydrogen Strategy presentata la scorsa settimana.

Questa rete tedesca sarebbe inoltre collegata con stabilimenti siderurgici, raffinerie, impianti chimici e centrali elettriche, tutte potenziali utenti finali dell’idrogeno.

Ma le condotte dovrebbero poi connettersi con i siti di produzione dell’idrogeno in Germania e anche con i futuri hub per l’import dell’H2, di cui il Paese ha già assicurato di aver bisogno prevedendo di non riuscire a produrre in proprio quantità di idrogeno sufficienti a soddisfare la domanda interna, stimata in forte crescita nei prossini anche e soprattutto per effetto della strategia nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *