IVECO produrrà mezzi pesanti a idrogeno in Spagna grazie ai fondi dell’IPCEI Hy2Tech

Il gruppo IVECO, controllato direttamente (dopo lo spin-off da CNH Industrial e la quotazione alla Borsa di Milano) dalla holding Exor della famiglia Agnelli-Elkann, produrrà mezzi pesanti alimentati a idrogeno in diverse delle sue fabbriche spagnole grazie ai fondi che riceverà dal Governo di Madrid tramite il programma europeo IPCEI Hy2Tech, il primo dei due Important Project of European Common Interest sull’idrogeno, approvato da Bruxelles lo scorso luglio.

L’esecutivo iberico ha infatti emanato un decreto con cui vengono assegnate le risorse dell’IPCEI ai 4 progetti spagnoli selezionati dalla Commissione, che otterranno 74 milioni di euro e che potranno attivare investimenti complessivi per 245 milioni.

Iniziative – si legge nella nota del Ministero per la Transizione Energetica e le Sfide Demografiche (MITECO) – in linea con la Renewable Hydrogen Roadmap, che prevede che entro il 2030 il 10% della capacità produttiva europea di idrogeno rinnovabile sarà spagnola.

I quattro progetti selezionati si trovano in diverse località delle comunità autonome di Andalusia, Paesi Baschi, Navarra, Asturie, Castilla y León, Catalogna e Comunità di Madrid.

Il progetto Tecnopropia, presentato da H2B2 e situato a Siviglia, prevede lo sviluppo di elettrolizzatori basati su diverse tecnologie (PEM, AEM e SOEC) e otterrà 24,9 milioni di euro.

Il secondo progetto, presentato da SENER, verrà sviluppato nei Paesi Baschi e riceverà un finanziamento di 10 milioni di euro, che verranno impiegati per la costruzione di una fabbrica di elettrolizzatori (inizialmente con tecnologia alcalina) con l’obiettivo di fornire al mercato spagnolo una tecnologia competitiva e prodotta localmente.

La terza iniziativa spagnola selezionata per l’IPCEI Hy2Tech è quella di Nordex, che riceverà 11,6 milioni di euro per sviluppare un innovativo elettrolizzatore alcalino di capacità compresa tra 5 Mw e 10 MW adattato al funzionamento variabile e con il supporto elettrico diretto da una turbina eolica e un impianto fotovoltaico. Il progetto prevede una prima fase di ricerca e sviluppo, volta ad aumentare la flessibilità del funzionamento delle tecnologie alcaline, e una seconda fase in cui verrà sviluppato un prototipo modulare che utilizzerà le strutture Nordex esistenti nelle Asturie e in Navarra.

Infine, c’è l’iniziativa Poseidon di IVECO, a cui andranno 27,05 milioni di euro. Il gruppo automotive produrrà veicoli commerciali pesanti con propulsione a idrogeno per uso regionale e urbano. A tal fine, IVECO prevede di effettuare investimenti nelle proprie sedi, sia a Madrid che a Valladolid e Barcellona, ​​​​con l’obiettivo di implementare processi di ricerca e sviluppo altamente complessi e di aumentare la capacità produttiva.