La belga BeHydro lancia sul mercato il primo motore ibrido idrogeno-diesel

BeHydro, joint-venture tra la compagnia marittima belga CMB e l’azienda connazionale (specializzata nella produzione di motori di diverse tipologie) ABC ha annunciato il lancio sul mercato del suo primo propulsore, un inedito sistema ibrido idrogeno-diesel in grado di ridurre dell’85% le emissioni di CO2 rispetto a soluzioni tradizionali.

Il nuovo prodotto, il primo al mondo con questa caratteristiche secondo BeHydro, è destinato ad equipaggiare navi, treni e ad essere utilizzato come generatore elettrico. L’azienda belga ha sviluppato e testato nel corso degli ultimi 3 anni un propulsore da 1 MW di potenza, ma sulla base di questa tipologie in futuro potranno essere realizzati propulsori con potenze fino a 10 MW, servendo quindi un range di attività industriali ancora più ampio.

La particolarità del modello, ibrido idrogeno-diesel, consente poi una maggiore flessibilità di impiego: il propulsore di BeHydro, in mancanza di idrogeno, è infatti in grado di bruciare gasolio tradizionale per alimentarsi.

Come rivelato dal CEO di ABC Tim Berckmoes, il nuovo motore verrà presto utilizzato sul campo: BeHydro ha infatti già ricevuto un ordine per 2 unità ibride da 2 MW ciascuna destinate ad equipaggiare HydroTug, il primo rimorchiatore portuale al mondo alimentato a idrogeno, che opererà ad Anversa.

Nella fase iniziale, BeHydro sarà in grado di produrre circa 100 motori ibridi all’anno, ma l’azienda è già al lavoro anche su un altro concept di propulsore, questa volta mono-fuel ad idrogeno, che dovrebbe essere pronto per debuttare sul mercato nel secondo semestre del 2021.

“Nel solco della visione europea sull’idrogeno, recentemente resa nota dalla Commissione, BeHydro dimostra che già oggi la transizione energetica, grazie all’H2, è realizzabile in una vasta scala di applicazioni. Queste includono propulsori per i mezzi di navigazione interna e fluviale e per rimorchiatori portuali, impianti di generazione ausiliaria delle grandi navi oceaniche ma anche sistemi di propulsione per treni e generatori di elettricità per ospedali e data center. In teoria, ogni grande motore diesel potrebbe essere sostituito con un modulo ibrido di BeHydro” ha aggiunto Alexander Saverys, CEO di CMB.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.