La francese Air Liquide e l’olandese Vopak insieme per sviluppare la ‘value chain’ dell’ammoniaca a Singapore

La corporation francese Air Liquide e l’azienda olandese Vopak (specializzata nello stoccaggio e nella logistica di prodotti chimici e commodity energetiche) hanno firmato un Memorandum of Understanding finalizzato a collaborare alla costruzione e alla gestione di infrastrutture per l’importazione di ammoniaca, il cracking (la ri-trasfroamzione dell’ammoniaca in H2; ndr) e la distribuzione dell’idrogeno a Singapore.

L’ammonica, come ricordano le due società in una nota, è considerato uno dei fuel più promettenti per decarbonizzare l’industria del trasporto marittimo, ed è anche un carrier dell’idrogeno che consente di trasportare e stoccare H2 in modo efficiente.

Alla luce di tali considerazioni, i due partner intendono sviluppare una supply chain completa dell’ammoniaca nel porto di Singapore (uno dei principali scali commerciali del mondo), che comprenderà il potenziale sviluppo di impianti di cracking associati a sistemi di stoccaggio e infrastrutture per la gestione del combustibile presso il terminal che Vopak già opera nella città-stato asiatica, nonché una rete di pipeline per la distribuzione dell’idrogeno nell’area di Singapore.

Un progetto che, come sottolineano Air Liquide e Vopak, contribuirà al raggiungimento degli obbiettivi fissati dalla National Hydrogen Strategy di Singapore.

“Air Liquide è impegnata a collaborare con partner industriali, come Vopak, per offrire soluzioni innovative e sostenibili in supporto agli sforzi di Singapore per decarbonizzare la propria economia” ha commentato Zhang Xi, Southeast Asia Cluster Vice President e Managing Director di Air Liquide Singapore. “Stiamo già costruendo un impianto pilota su scala industriale per il cracking dell’ammoniaca in Belgio. Siamo felici di poter applicare la nostra esperienza nel settore per realizzare impianti in grado di trasformare ammoniaca low-carbon in idrogeno a basse emissioni di carbonio, un elemento che contribuirà alla decarbonizzazione dei settori hard to abate, avvicinandoci ad un futuro più sostenibile”.

Rob Boudestijn, Presidente di Vopak Singapore, ha aggiunto: “L’idrogeno e l’ammoniaca hanno un grande potenziale per contribuire alla transizione di Singapore verso un’economia low-carbon. Singapore si sta già attrezzando per ricevere e gestire ammoniaca destinata alla power generation e al bunkeraggio navale, ma la possibilità di ritrasformare questo prodotto in idrogeno consente di servire una più vasta gamma di applicazioni anche in quelle industrie che sono alla ricerca di combustibili per ridurre le proprie emissioni. Siamo felici di poter collaborare con Air Liquide a questo progetto”.