La Puglia vara ufficialmente la sua strategia regionale per l’idrogeno

Dopo un processo partecipativo durato dal 20 ottobre al 20 novembre scorso che, sulla base delle valutazioni del gruppo di lavoro interdipartimentale sull’idrogeno, ha coinvolto i principali stakeholder del territorio (cittadini, le organizzazioni pubbliche e private, le associazioni, le imprese e gli attori sociali, i componenti dell’Osservatorio regionale sull’Idrogeno nonché i componenti del partenariato economico e sociale), Giunta della Regione Puglia ha approvato il documento finale della propria Strategia per l’Idrogeno, integrando i contributi e le osservazioni emersi dalla consultazione pubblica con deliberazione n.1799 del 5 dicembre 2022.

La strategia, denominata ‘#H2Puglia2030’ (qua il documento completo) individua 5 ambiti dell’economia dell’idrogeno, indicando, per ognuno di essi, le competenze regionali in materia con obiettivi specifici e azioni e identificando, nel contempo, gli strumenti regolamentari da adeguare e le misure di finanziamento attivabili, in coerenza con i principali documenti programmatici regionali.

Questi i 5 ambiti di intervento e le relative azioni identificate:

  • produzione, stoccaggio, trasporto e distribuzione dell’idrogeno: azioni a sostegno della produzione di idrogeno sostenibile nel territorio regionale, dello sviluppo di tecnologie per lo stoccaggio, di una rete di distribuzione regionale di idrogeno per l’uso in mobilità, oltre che cogenerazione civile e industriale;
  • hard-to-abate: azioni volte all’introduzione dell’idrogeno green in settori produttivi che utilizzano idrogeno grigio (da metano) o nero (da gasolio o carbone) come quello chimico e siderurgico;
  • mobilità e trasporti: azioni per sostenere l’adozione e lo sviluppo dell’idrogeno nel trasporto pubblico, nella logistica delle merci, nella rete ferroviaria, nonché in altri ambiti innovativi;
  • filiera manifatturiera, ricerca, sviluppo e innovazione: azioni a favore della transizione delle imprese verso i mercati dell’idrogeno, innovazione, ricerca, sostegno e politiche di attrazione degli investimenti;
  • azioni trasversali: formazione scientifica e professionale, partecipazione a network regionali, nazionali ed internazionali;

Con questo documento, la Regione Puglia – si legge in una nota dell’ente – punta a diventare un hub energetico attraverso la costruzione di un ecosistema regionale dell’idrogeno finalizzato alla massima valorizzazione delle sinergie tra i diversi studi del vettore e le caratteristiche del sistema energetico e industriale del territorio.