La Regione Sardegna (tramite Sotacarbo) cerca un fornitore per l’impianto di produzione di H2 green destinato al progetto SulkHY, finanziato dal PNRR

Inizia a prendere forma il progetto SulkHY, co-finanziato dal PNRR e finalizzato alla creazione di una hydrogen valley nel Sulcis, area della Sardegna a storica vocazione carbonifera che potrebbe così trovare una nuova occasione di rilancio nel segno delle energie green.

Sotacarbo, società controllata dalla Regione Sardegna che sta sviluppando questa iniziativa, ha infatti indetto una procedura di dialogo competitivo (ex artt. 70, comma 3 e 74 del d.lgs. 36/2023) “volta a individuare un operatore economico per affidamento della fornitura di un impianto di produzione idrogeno verde, alimentato da un impianto fotovoltaico”, nell’ambito del progetto SulkHy, come si legge nella documentazione ufficiale pubblicata sul sito della Regione.

Il valore stimato dell’appalto è pari a 4 milioni di euro, che verranno coperti grazie ai 5,7 milioni di risorse provenienti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza ottenuti nell’ambito del bando per la produzione di idrogeno verde in aree industriali dismesse.

A conclusione della fase del dialogo competitivo – si legge ancora nella documentazione – “l’amministrazione invierà, agli operatori già ammessi, lettera di invito, in cui verrà posta a base di gara la soluzione progettuale adottata dall’amministrazione al termine della suddetta fase, e saranno indicate le modalità di partecipazione e la documentazione da presentare”

Il progetto SulkHy, che ‘vale’ complessivamente 12,69 milioni di euro, verrà implementato nell’area industriale PIP di Carbonia (il principale centro del Sulcis) e prevede l’installazione di un impianto di produzione di idrogeno verde, alimentato da un parco fotovoltaico anch’esso di nuova installazione e dotato di un sistema di accumulo, in grado di generare 80 tonnellate/anno di H2 funzionando a pieno carico per circa 4.400 ore/anno.

L’idrogeno prodotto verrà in gran parte ceduto ad ARST, che utilizzerà il combustibile per alimentare i nuovi autobus ad H2 per il trasporto interurbano.