La tedesca Sunfire riceve 169 milioni di euro di fondi IPCEI per sviluppare la produzione industriale dei suoi elettrolizzatori

Il Ministro federale tedesco per gli Affari Economici Robert Habeck ha consegnato nelle mani del CEO di Sanfire Nils Aldag un assegno da 169 milioni di euro: si tratta di risorse derivanti dall’IPCEI Hy2Tech, che l’azienda tedesca utilizzerà per avviare la produzione in serie, su scala industriale, di elettrolizzatori alcalini ad alta pressione e di elettrolizzatori SOEC (Solid Oxide Electrolysis Cell).

“Grazie a queste risorse potremo procedere con il nostro piano di sviluppo in modo più rapido ed esteso di quanto avremmo potuto fare con le nostre sole forze” ha spiegato Aldag. “L’IPCEI è il nostro catalizzatore sulla strada della produzione su scala gigawatt, e per questo oggi è un gran giorno per Sunfire”.

I fondi appena ricevuti – il 70% arriva dal Governo federale e il 30% dai lander coinvolti – contribuiranno a sostenere un piano di investimenti che vale complessivamente 400 milioni di euro e che prevede di avviare la produzione industriale di elettrolizzatori in Sassonia e in Nord Reno Westfalia.

“Saremo in grado di ripagare la fiducia che ci è stata concessa dalle istituzioni con questo importante sostegno” ha aggiunto Aldag. “Stiamo investendo in tecnologie che trasformeranno la nostra industria e contribuiranno alla neutralità climatica. Allo stesso tempo, questo percorso di sviluppo candida la Germania come business location per una delle più grandi opportunità di rilancio industriale di questo secolo, che creerà ricchezza sostenibile e lavoro”.