Larsen & Toubro ha prodotto il primo elettrolizzatore ‘made in India’ con la tecnologia fornita su licenza da McPhy

Entra nel vivo la partnership siglata esattamente un anno fa tra McPhy e Larsen & Toubro (L&T): la multinazionale indiana ha infatti realizzato e collaudato il primo elettrolizzatore prodotto interamente in India – presso il Green Hydrogen Plant del A M Naik Heavy Engineering Complex di Hazira, nello stato del Gujarat – utilizzando la tecnologia alcalina concessa su licenza dall’azienda francese.

Si tratta, di fatto, del debutto della newco L&T Electrolysers Limited sul mercato degli elettrolizzatori ‘made in India’.

Questo primo impianto realizzato da Larsen & Toubro ha una capacità di 1 MW (espandibile fino a 2 MW) ed è in grado di produrre 200 normal metri cubi di idrogeno verde all’ora. È equipaggiato con due stack e una Electrolyser Processing Unit (EPU) ML-400 interamente prodotta e assemblata in India, sulla base dei più recenti standard internazionali. Ora l’elettrolizzatore sarà sottoposto ad una serie di test, al fine di ottimizzarne le prestazioni.

L&T Electrolysers Limited, un’entità societaria appositamente costituita dal gruppo L&T, ha come mission la produzione in India di elettrolizzatori alcalini pressurizzati utilizzando la tecnologia fornita su licenza dalla francese McPhy, occupandosi di tutti gli aspetti della filiera produttiva, dalla progettazione alla realizzazione concreta dei macchinari, in collaborazione con fornitori indianti. Il suo stabilimento produttivo di Hazira raggiungerà una capacità su scala GW e sarà in grado di rispondere alla crescente domanda di idrogeno verde proveniente dall’economia indiana.

Subramanian Sarma, Whole-time Director & Sr EVP (Energy) di L&T, ha commentato: “Questo primo elettrolizzatore interamente prodotto in India costituisce un enorme passo avanti nel percorso di transizione energetica, posizionandoci nel modo migliore per poter guidare lo sviluppo del mercato indiano e internazionale”.

Derek M Shah, Sr VP & Head – Green Energy Business di L&T, ha aggiunto: “Il nostro impegno nel valorizzare le filiere locali nell’ambito di questo progetto va oltre un mero ragionamento di costi ed efficienza. L’obbiettivo è sostenere la supply chain indiana e creare opportunità per i professionisti del settore”.