L’Egitto vuole esportare in Europa l’H2 green prodotto nella zona economica del Canale di Suez

L’Egitto punta ad esportare idrogeno verde prodotto nella zona economica del Canale di Suez (Suez Canal Economic Zone) vero i Paesi dell’area nordafricana e anche del Vecchio Continente, sfruttando l’attuale rete di trasporto del gas naturale.

Lo ha dichiarato – secondo quanto riportato da Agenzia Nova – il responsabile della zona economica del Canale di Suez, Yahya Zakaria, durante un incontro con l’ambasciatore del Regno Unito in Egitto, Gareth Bailey, e l’alto rappresentante del governo britannico per la Cop26, Nigel Topping. In occasione della sua visita presso la zona economica del Canale di Suez, l’ambasciatore è stato informato sulle diverse opportunità di investimento. La delegazione ha inoltre visitato il porto di Sokhna per supervisionare l’andamento dei lavori.

Secondo la testata Daily News Egypt, Bailey avrebbe espresso apprezzamento per la strategia di sviluppo attuata dal Governo de Il Cairo relativamente alla zona economica del canale, e avrebbe confermato l’interesse del Regno Unito rispetto allo sviluppo, in quest’area, della produzione di energia rinnovabile, idrogeno verde e metanolo, che l’Egitto punta ad iniziare ad esportare in tempo per la conferenza internazionale UN Climate Change Conference 2022 che si terrà a Sharm El-Sheikh il prossimo novembre.