L’ENEA studia a Bologna come produrre fuel sintetici da idrogeno verde e CO2

Produrre combustibili innovativi a zero emissioni utilizzando anidride carbonica e idrogeno verde, per possibili impieghi nei trasporti, industria e residenziale.

È l’obiettivo del progetto di ricerca E-CO2, co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna e dal Fondo Sviluppo e Coesione e coordinato dal laboratorio Cross-Tec ENEA di Bologna in partnership con le Università di Bologna e Parma, il Laboratorio Energia Ambiente di Piacenza, Romagna Tech e le aziende Gruppo Hera, Siram Veolia, Ecospray Technologies, Tper, Idro Meccanica e Buzzi Unicem. Il progetto vede anche la partecipazione, tra gli altri, delle università di Bologna e Parma e del Gruppo Hera. “Il metano sintetico prodotto da CO2 e idrogeno verde – spiega il coordinatore del progetto Giuseppe Nigliaccio – potrebbe essere immesso nella rete gas naturale e trovare così impiego nei settori della mobilità, dell’industria e del residenziale. Proprio la possibilità di utilizzare la vasta rete gas presente nel nostro Paese, con funzione di accumulo energetico, costituisce il grande potenziale di impiego di questa tecnologia. Al contempo, si favorisce una maggiore penetrazione delle fonti rinnovabili elettriche, attraverso l’interazione della rete elettrica con quella del gas, il cosiddetto sector coupling”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *