L’italiana FRIEM apre nuove filiali in Germania e Cile con l’obbiettivo di consolidare il business storico e crescere nella filiera dell’idrogeno green

FRIEM, azienda italiana attiva nella produzione di convertitori elettrici per impianti industriali di grandi potenze e già presente con diverse iniziative nel settore dell’idrogeno verde, si espande a livello internazionale annunciando la nascita delle nuove filiali FRIEM Germany e FRIEM Chile.

Germania e Cile – spiega in una nota la società, che recentemente ha accolto tra i suoi azionisti il Fondo Italiano d’Investimento – rappresentano aree importanti per l’industria primaria, in particolare nel mercato del cloro-soda e del rame, settori industriali in cui FRIEM è leader nella fornitura di convertitori di elevata potenza, e secondo le previsioni saranno tra i mercati più attrattivi per il settore dell’idrogeno verde.

In particolare, l’apertura di una filiale in Germania, centro nevralgico di decision maker e produttori di elettrolizzatori europei, rafforza il presidio di FRIEM nell’Europa continentale, dove nell’ultimo decennio la società ha visto il proprio volume di attività crescere con una quota superiore al 20% dei ricavi nel 2023, in particolare nel settore dell’H2 green.

Per quanto riguarda invece il Sud America, FRIEM consolida il trend di risultati positivi con la fornitura di quindici sistemi di raddrizzamento negli ultimi tre anni, impiegati sia nell’ambito della raffinazione dei metalli (il Cile vanta una produzione di rame che supera di tre volte quella della Cina), che nella chimica di base. Inoltre, grazie alla grande presenza di impianti di energia rinnovabile e all’ambizioso obiettivo di diventare ‘carbon neutral’ entro il 2050, il Cile si posiziona strategicamente – secondo le valutazioni dell’azienda italiana – come fulcro per la crescita esponenziale della produzione di idrogeno verde nel continente americano e non solo.

La struttura operativa delle due filiali prevede per FRIEM Germany la guida del tedesco Bernd Witt, manager con esperienza nel settore dei convertitori e trasformatori per il mondo industriale, mentre FRIEM Chile viene affidata a Daniele De Palo, giovane manager del gruppo che si trasferisce a Santiago per avviare e gestire la nuova filiale.

“Le nuove filiali – ha commentato Maurizio Stucchi, Head of Industry di FRIEM – rappresentano un’evoluzione nella continuità, volta a garantire un rapporto più diretto e immediato con i nostri clienti, oltre ad un servizio tecnico post-vendita puntuale e rapido. Le filiali potranno contare sull’integrazione di competenze di un team altamente qualificato, unite alla tecnologia ed esperienza della casa madre.”