L’Oman costituisce una nuova energy company statale dedicata all’idrogeno

Il sultanato dell’Oman avrebbe costituito – o sarebbe comunque sul punto di farlo – una nuova energy company statale la cui attività sarà focalizzata espressamente sull’idrogeno verde.

A riportarlo è la testata locale in lingua inglese Oman Observer, secondo cui la nuova entità dovrebbe chiamarsi Hydrogen Development Oman (HDO) e dovrebbe essere una controllata di Energy Development Oman (EDO), holding statale creata dal Governo nel 2020 per gestire la partecipazione dello Stato in Petroleum Development Oman (PDO) e più recentemente individuata come strumento per agevolare il percorso di transizione energetica del Paese.

Sempre secondo Oman Observer proprio in questo periodo un comitato di esperti guidato dal Ministro dell’Energia e delle Risorse Minerarie Mohammed bin Hamed al Rumhy starebbe definendo la mission e il perimetro di azione della newco, in collaborazione con diversi stakeholder pubblici e in linea con la strategia dettata dal Sultano dell’Oman Haitham bin Tarik che mira a favorire la crescita di un’economia dell’idrogeno verde nel Paese, anche attraverso la creazione di una direzione dedicata presso il Ministero dell’Energia e delle Risorse Minerarie.

La nuova Hydrogen Development Oman avrà il compito di collaborare con investitori nazionali ed esteri allo sviluppo di progetti di produzione di H2 green, in qualità di proprietario dei terreni utilizzati e fornitore della necessaria energia rinnovabile.