Nasce la filiera dell’idrogeno della Lombardia: H2Energy tra i promotori dell’iniziativa, supportata anche dalla Regione

È nata ufficialmente la filiera dell’idrogeno della Lombardia: con il supporto della Regione, 35 aziende ed enti del territorio si sono uniti con lo scopo di sviluppare e consolidare la competitività dell’ecosistema industriale dell’H2.

A capitanare la cordata lombarda con il ruolo di proponente e capofila, c’è H2Energy, start-up bresciana che produce elettrolizzatori che ha già avviato e presentato il primo impianto italiano di idrogeno verde nei suoi stabilimenti in provincia di Cremona.

Oltre ad aziende private, del partenariato fanno parte anche soggetti pubblici di ricerca come il Consorzio Interuniversitario Nazionale per la Scienza e Tecnologia dei Materiali (INSTM), il Politecnico di Milano, l’Università degli Studi di Milano Bicocca, l’Università Statale degli Studi di Milano e l’Università di Brescia.

“È fondamentale in questo momento fare rete, unire le competenze e crescere insieme per sostenere la transizione energetica e l’applicazione delle misure del PNRR” ha commentato Paolo Carrera, direttore generale di H2Energy. “La nostra azienda è nata proprio con la logica di produrre un idrogeno italiano e per aggregare le competenze e i capitali. Infatti, da tre soci fondatori che sono stati pionieri in questo settore, ad oggi siamo sostenuti da una nutrita cordata di soci industriali. Sappiamo quindi che l’ecosistema nazionale dell’H2 va incoraggiato e siamo entusiasti di fare da capofila per la Lombardia perché la logica delle filiere che si stanno sviluppando sui territori promossa dalle Regioni è una chiave per incentivare lo sviluppo, per riconvertire sistemi industriali, valorizzare il capitale umano, la ricerca, la proprietà intellettuale e la produzione di un idrogeno italiano”.

Per quanto riguarda H2Energy, l’azienda sottolinea che il partneriato della filiera sarà fondamentale, già nei prossimi mesi, per concretizzare la realizzazione di un nuovo sito di produzione di elettrolizzatori sul territorio lombardo, che si avvarrà delle competenze e sinergie con le aziende e istituti universitari della filiera.