NEL avvia la produzione di elettrolizzatori per Everfuel e Nikola nel nuovo stabilimento di Herøya

Nonostante il risultato netto sia ancora negativo, a causa dei costi connessi con l’avvio delle attività del nuovo stabilimento di Herøya, il gruppo norvegese NEL – specializzato nella produzione di elettrolizzatori e di altre tecnologie per la filiera dell’idrogeno verde – ha registrato nel terzo trimestre dell’anno ricavi record, con una pipeline di potenziali nuovi ordini anch’essa a livelli mai raggiunti prima.

Come si legge nella nota di accompagnamento alla trimestrale, infatti, il nuovo sito produttivo – un elemento fondamentale dalla strategia del gruppo, che punta a realizzare impianti in grado di generare idrogeno rinnovabile ad un costo di 1,5 euro a Kg – è ormai pienamente operativo e inizierà la produzione di elettrolizzatore per conto dei clienti Everfuel e Nikola Motor già entro la fine del 2021.

Intanto, nel Q3 il portafoglio di commesse già acquisite è cresciuto dell’8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno arrivando a oltre 1 miliardo di corone norvegesi, ovvero poco più di 100 milioni di euro, mentre la pipeline di ordini potenziali raggiunge i 6 miliardi di dollari, per una capacità di elettrolisi corrispondente a 11 GW.

“Nel terzo trimestre abbiamo celebrato la produzione del primo blocco di elettrodi nel nuovo stabilimento di Herøya, dove ora siamo pronti ad avviare la produzione relativa agli ordini di Nikola ed Everfuel” ha spiegato Jon André Løkke, Chief Executive Officer of NEL e da poco anche Presidente di Hydrogen Europe.

“Abbiamo anche realizzato ricavi record, seppure il risultato netto resti negativo a causa dei costi connessi con lo sviluppo del nuovo sito produttivo e del perdurare degli effetti della pandemia di Covid-19. È però molto incoraggiante vedere come la pipeline di potenziali ordini sia in forte crescita anche se il tempo necessario a finalizzare i contratti si sta allungando a causa della sempre maggiore dimensione delle commesse e anche dei meccanismi di accesso ai finanziamenti pubblici, che richiedono numerosi passaggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *