NextChem avvia la fase di ingegneria dell’Hydrogen Valley romana (finanziata dall’IPCEI Hy2Use) firmando un contratto con LanzaTech

NextChem – società del gruppo Maire Tecnimont – ha annunciato di aver iniziato, tramite la controllata MyRechemical, la fase di ingegneria dell’Hydrogen Valley di Roma, che è basata sulla tecnologia Waste to Chemicals della stessa NextChem, progetto per cui l’azienda riceverà un finanziamento pubblico di 194 milioni di euro nell’ambito del programma europeo IPCEI Hy2Use, approvato dalla Commissione Europea lo scorso settembre.

MyRechemical ha avviato l’ingegneria della conversione dei rifiuti in Circular GasTM che sarà il feedstock per la produzione di etanolo e idrogeno: in questo contesto, NextChem ha assegnato a LanzaTech un contratto di ingegneria per la fornitura del design di processo per un’unità di fermentazione del syngas basato sulla tecnologia di biocatalisi di LanzaTech per produrre etanolo circolare destinato alla mobilità sostenibile e a prodotti chimici.

La tecnologia di conversione chimica di MyRechemical – ricorda il gruppo Maire Tecnimont in una nota – consente di recuperare i rifiuti che non possono essere riciclati meccanicamente e altri tipi di rifiuti secchi non riciclabili. La fase di ingegneria di design dovrebbe essere completata nel 2023.

LanzaTech è leader mondiale nella fermentazione del gas, nella produzione di carburanti e prodotti chimici sostenibili attraverso la conversione biologica delle emissioni di carbonio, compresi i gas di scarico industriali. L’esperienza nello scale-up della fermentazione, nella progettazione di reattori, nel machine learning e nella biologia di sintesi ha permesso all’azienda di commercializzare il suo processo di riciclo e dimostrare la produzione di 100 sostanze chimiche diverse.

“Siamo molto orgogliosi di aver iniziato le attività di ingegneria della prima Hydrogen Valley di NextChem” ha commentato Alessandro Bernini, Amministratore Delegato del gruppo Maire Tecnimont e di NextChem. “Questo accordo con LanzaTech è la prima concretizzazione della collaborazione già in essere con un player riconosciuto e rappresenta un importante passo avanti nel nostro percorso verso la transizione energetica”.