NextChem (gruppo MAIRE) si rafforza nella filiera dell’idrogeno verde rilevando le società HyDEP e Dragoni Group

NextChem, parte del gruppo italiano MAIRE, ha deciso di consolidare la sua presenza nella catena del valore dell’idrogeno mettendo a segno una doppia acquisizione.

La società, tramite la sua controllata NextChem Tech, ha infatti firmato un accordo vincolante per rilevare l’80% di HyDEP S.r.l. e il 100% di Dragoni Group S.r.l.

Entrambe con sede in Italia, HyDEP e Dragoni Group sono aziende di servizi ingegneristici note nei settori meccanico ed elettrochimico, con una forte expertise nel design di processo e un’esperienza di oltre 20 anni nel settore dell’idrogeno verde, compresi brevetti. La gamma di servizi spazia dal design meccanico e di processo alla convalida, alla prototipazione e alla certificazione. Mario e Matteo Dragoni, fondatori e attuali azionisti di entrambe le entità, manterranno la gestione delle società, le quali continueranno ad operare in autonomia sui loro rispettivi mercati.

Il prezzo di acquisto delle due quote è di circa 3,6 milioni di euro. L’accordo prevede anche una clausola di earn-out basata sul raggiungimento di obiettivi tecnici entro 30 mesi dal closing, nonché opzioni put e call sulla restante quota del 20% di HyDEP esercitabili entro 36 mesi dal closing, che dovrebbe avvenire nel secondo trimestre del 2024.

Alessandro Bernini, CEO di MAIRE, ha commentato: “Questa acquisizione segna un passo importante per rafforzare ulteriormente le capacità di NextChem nell’idrogeno verde, aprendo la strada allo sviluppo della nostra value proposition nella tecnologia di elettrolisi. Le competenze di processo di HyDEP supporteranno fortemente lo sviluppo di soluzioni innovative per la produzione di ammoniaca e metanolo a bassa impronta carbonica”.

L’acquisizione consentirà a NextChem di rafforzare ulteriormente le proprie capacità di design di processo nell’idrogeno verde, aprendo la strada allo sviluppo della propria offerta tecnologica.