Nippon Steel sceglie la tecnologia di Tenova e Danieli per il primo impianto di produzione di DRI alimentato a idrogeno che verrà realizzato in Giappone

Si allunga la già corposa lista di protagonisti internazionali dell’industria siderurgica che hanno scelto la tecnologia hydrogen-reday delle aziende italiane Tenova e Danieli per decarbonizzare le loro attività.

La corporation giapponese Nipppn Steel ha infatti assegnato a Tenova un contratto per una Experimental Direct Reduction Plant (EDRP) che verrà realizzata presso l’R&D Center del produttore di acciaio asiatico a Hasaki, nell’ambito di un progetto sostenuto dalla New Energy and Industrial Technology Development Organization (NEDO).

L’obbiettivo del nuovo impianto pilota sarà quello di condurre sperimentazioni relative all’utilizzo di idrogeno come agente riducente per la produzione di DRI e quindi di acciaio decarbonizzato (‘Development of Direct Hydrogen Reduction Technology for Reducing Low-Grade Iron Ore with Hydrogen Alone / Development of Technology for Direct Hydrogen Reduction’). Un progetto a cui collaboreranno, oltre a Nippon Steel, anche JFE Steel Corporation e il Japan Research and Development Center for Metals.

Grazie all’utilizzo della tecnologia ENERGIRON® Direct Reduction (DR), sviluppata da Tenova e Danieli, il nuovo impianto pilota di Nippon Steel potrà utilizzare idrogeno come agente riducente, ma potrà anche utilizzare gas naturale e altri gas, oppure una miscela di diversi combustibili, con varie combinazioni e proporzioni. L’impianto verrà inoltre dotato di un sistema di sequestro della CO2, anch’esso fornito da Tenova, che consentirà di ridurre drasticamente le emissioni di anidride carbonica anche quando si utilizzano agenti riducenti contenenti carbonio (come il metano).

“Con questo contratto, la tecnologia ENERGIRON® si conferma la migliore soluzione per impianti di DRI disponibile oggi sul mercato. Siamo felici di poter dare il nostro contributo a questo progetto e di equipaggiare la prima Experimental Direct Reduction Plant alimentata a idrogeno del Giappone” ha commentato Stefano Maggiolino, Presidente e CEO di Tenova HYL.