Per il suo debutto nel settore idrogeno la finlandese Oulu Energy pensa a un impianto di elettrolisi da 100 MW

Per il suo primo progetto di produzione di idrogeno verde, l’azienda finlandese Oulu Energy ha deciso di fare le cose in grande.

La società ha infatti avviato la pianificazione di un nuovo hub che sorgerà a Oulu, nella Finlandia del Nord, e avrà una capacità di elettrolisi di ben 100 MW.

L’iniziativa, che verrà sviluppata in partnership con P2X Solutions (la quale a sua volta sta realizzando un altro progetto di produzione di H2 green a Harjavalta, sempre in Finlandia), prevede l’installazione, nell’area industriale di Laanila, di un elettrolizzatore che come detto avrà una capacità di 100 MW, di un sistema per la cattura della CO2, di infrastrutture di stoccaggio per l’idrogeno e l’anidride carbonica, e di impianti per la produzione di metanolo e metano sintetico.

I combustibili (H2 e derivati) prodotti nel nuovo polo di Oulu saranno destinati a sostituire i fuel fossili nel trasporto stradale, marittimo e aereo, ma l’azienda sta pensando anche a come valorizzare i prodotti secondari (by-product): i circa 200-400 GWh di calore generato potrebbero essere utilizzati per il riscaldamento domestico locale, mentre l’ossigeno ha diverse possibili applicazioni in ambito industriale.

La fase di sviluppo del progetto appena avviata, coordinata da P2X Solutions, prevede lo studio di fattibilità dell’impianto e l’esame delle potenziali location, oltre ad una valutazione di impatto ambientale.

La FID è prevista entro l’autunno 2025, mentre l’impianto dovrebbe entrare in funzione nel corso del 2028.