Per sviluppare la nautica a idrogeno NatPower H si allea con la norvegese Hyrex

Durante la 5ª edizione del Salone Nautico di Venezia, NatPower H ha annunciato di aver stretto una partnership con Hyrex – azienda norvegese che sviluppa tecnologie di propulsione a idrogeno – finalizzata ad accelerare la transizione verso una nautica più sostenibile.

Per dare forma concreata a questa collaborazione la stessa Hyrex ha presentato, durante la kermesse veneziana, un’imbarcazione a zero emissioni dotata di un sistema di propulsione ad H2.

La barca – lunga 9,5 metri ed equipaggiata con due serbatoi da 8 kg di idrogeno che le permettono un’autonomia di 16 ore – dimostra, secondo NatPower, che la tecnologia è già pronta ad accogliere questo vettore chiave per la transizione energetica del settore.

NatPower H – società del gruppo NatPower – intende realizzare la prima infrastruttura al mondo per il rifornimento di idrogeno per la nautica da diporto, investendo 100 milioni di euro per realizzare 100 refueling station in Italia e in tutto il Mediterraneo entro il 2030.

La prima di queste stazioni (progettata con la collaborazione di DBA Group), verrà installata proprio a Venezia, al Marina di Sant’Elena, e inaugurata entro la fine di quest’anno.

“Essere presenti al Salone di Venezia con un’imbarcazione a zero emissioni, consolida il know-how e l’impegno di NatPower H verso un nuovo modo di navigare, più attento e responsabile dell’ambiente” ha commentato Andrea Minerdo, CEO di NatPower H. “Uno scenario concreto, tangibile e tecnologicamente pronto. Un orizzonte che sarà plasmato dalla creazione di una infrastruttura per il rifornimento di yacht a idrogeno e da un intero settore che oggi più che mai è pronto alla transizione green”.

“Siamo entusiasti di presentare la nostra ultima innovazione nella tecnologia marittima, OceanDrive, il sistema di propulsione a idrogeno. Questa soluzione innovativa è destinata a rivoluzionare l’industria nautica, offrendo un modo più pulito, silenzioso e sostenibile di esplorare le acque” ha aggiunto Eirik Malterud, CEO di Hyrex. “Essendo pionieri nella consapevolezza ambientale, il nostro sistema di propulsione ad H2 rappresenta un passo significativo verso la riduzione delle emissioni di carbonio e offre ai diportisti un’esperienza di navigazione completamente nuova e migliorata. Siamo orgogliosi di guidare il cambiamento verso un domani più verde, dimostrando il nostro impegno per l’innovazione e la sostenibilità e contribuendo a creare un futuro migliore per il nostro pianeta”.