PUNCH Torino usa l’intelligenza artificiale per ottimizzare la gestione degli impianti di idrogeno

PUNCH Hydrocells, società neocostituita da PUNCH Torino – a sua volta parte del gruppo belga PUNCH – per sviluppare tecnologie legate alla filiera dell’idrogeno, ha presentato Energy Gateway Broker (EGB), software proprietario basato sull’intelligenza artificiale.

Il software è stato progettato per gestire, controllare ed effettuare diagnostica su sistemi complessi di H2, comprensivi di eletterolizzatori e/o impianti di steam reforming per la produzione di idrogeno, impianti di stoccaggio di idrogeno compresso e impianti per la distribuzione del vettore agli offtaker e a sistemi stazionari di fuel cell per generazione di elettricità e calore.

L’Energy Gateway Broker (EGB) è anche in grado di sviluppare e ottimizzare modelli economici basati sul controllo delle reti energetiche integrando in modo efficiente la gestione delle fonti di energia rinnovabile.

L’obbiettivo è quello di fare in modo che l’idrogeno venga prodotto al minor costo possibile e utilizzato sfruttando al massimo il suo valore, definendo business model relativi alla fornitura di elettricità, riscaldamento e H2 destinato al settore dei trasporti.

Questo innovativo sistema IT verrà utilizzato in concreto – precisa PUNCH Hydrocells – per la gestione di una micro hydrogen valley che sarà realizzata a Torino, presso gli stabilimenti del gruppo, e che produrrà idrogeno verde destinato ai test svolti dalla stessa azienda per applicazioni nel settore della mobilità.

Il software EGB agisce come intelligenza artificiale per Energy Management System (EMS) ed è in grado di stabilire in modo ottimale l’attivazione e la disattivazione delle componenti del sistema, prevedere i flussi di energia eolica e solare, di definire le migliori strategie di produzione e stoccaggio di idrogeno in base alle richieste dei clienti, gestire le necessità di rifornimento delle HRS (Hydrogen Refuel Station), programmare il prelievo energetico dalla rete e svolgere le attività di controllo e diagnostica degli impianti.

L’EGB – secondo PUNCH – risulterà particolarmente efficace nella gestione di ambienti energetici complessi, come per esempio i porti marittimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.