SNAM e RINA alleate per sviluppare l’utilizzo dell’idrogeno

Alleanza nel segno dell’idrogeno per due importanti aziende italiane: Snam, la società che gestisce la rete nazionale dei gasdotti, e Rina, leader nei servizi di certificazione, hanno siglato un accordo di collaborazione per accelerare l’introduzione dell’idrogeno come nuovo vettore energetico pulito e realizzare in pieno il significativo potenziale di questo gas eco-sostenibile come strumento essenziale per combattere i cambiamenti climatici e favorire la decarbonizzazione delle attività industriali.

Il Memorandum of Understanding (MoU) è stato firmato dall’Amministratore delegato di Snam Marco Alverà e dal suo omologo al vertice del Rina, Ugo Salerno.

“L’utilizzo di idrogeno verde (ricavato da fonti rinnovabili) nell’infrastruttura esistente giocherà un ruolo chiave nella transizione energetica consentendo di raggiungere importanti obbiettivi in tema di tutela dell’ambiente e del clima, creando anche nuove opportunità di sviluppo economico. Aspetto, quest’ultimo, particolarmente importante nell’attuale contesto. L’Italia e le sue aziende nazionali hanno l’opportunità di essere i pionieri di questo approccio a livello internazionale”, ha commentato Alverà, alla guida di un azienda già da tempo attiva nel settore dell’idrogeno, avendo costituito una business unit dedicata e già svolto (prima in Europa a farlo) due diversi test che hanno visto l’immissione prima di una quota del 5% e poi del 10% di idrogeno in rete, in miscela con il metano, per la fornitura di due clienti industriali.

Soddisfatto per la firma del MoU anche il CEO del Rina Ugo Salerno, che ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di poter collaborare con Snam per promuovere lo sviluppo sostenibile dell’industria energetica. Crediamo che attualmente l’idrogeno sia una delle opzioni migliori per ridurre le emissioni nocive in atmosfera. Siamo quindi molto contenti di poter dare il nostro contributo, specie in termini di analisi e studi sulla compatibilità dei materiali e sul testing delle strutture di stoccaggio per l’idrogeno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.