Snam premia le prime due start-up che entreranno a far parte del programma Hyaccelerator

Snam ha premiato ieri, al Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano, le prime due startup entrate a far parte di Hyaccelerator, il programma di accelerazione per startup focalizzato sull’idrogeno lanciato dal gruppo lo scorso ottobre.

Si tratta della svizzera EH Group, che propone una tecnologia di celle a combustibile caratterizzata da un’elevata efficienza e dal radicale abbattimento dei costi di produzione, e della francese Atawey, che mira a progettare e sviluppare stazioni di rifornimento a idrogeno sia su piccola sia su grande scala.

Le due startup – selezionate da una giuria composta da top manager di Snam – inizieranno ora un percorso di accelerazione di sei mesi che condurrà allo sviluppo, insieme alla stessa Snam, di una prima applicazione industriale. Il programma prevede, inoltre, che le startup vengano affiancate a livello di mentorship da personale Snam, entrando anche in contatto con la rete dell’Hydrogen Innovation Center creato dall’azienda in collaborazione con università e centri di ricerca.

La menzione “Special Prize Tech of the Future” è andata alla startup italiana Particular Materials, che produrrà idrogeno verde da elettrolisi attraverso una tecnologia innovativa basata sull’acqua supercritica, che al momento utilizza per la sintesi di nano-materiali e il recupero di metalli nobili da acque reflue. Questa startup sarà inserita in un programma speciale di R&D di Snam dedicato a tecnologie promettenti in fase di sviluppo.

Alla prima call di Hyaccelerator hanno aderito circa 70 startup da tutto il mondo; una cinquantina le candidature europee e una ventina quelle provenienti da Stati Uniti e Asia. Le aree di business hanno spaziato sull’intera filiera dell’idrogeno, dalla produzione al trasporto, allo stoccaggio e agli utilizzi finali in settori industriali e nella mobilità.

All’Hyaccelerator Day sono intervenuti, tra gli altri, la vicepresidente della Commissione per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento europeo, Patrizia Toia, l’assessora allo Sviluppo economico e alle politiche del lavoro del Comune di Milano, Alessia Cappello, la direttrice dell’ufficio Hydrogen and Fuel Cell Technologies del Dipartimento per l’energia degli Stati Uniti, Sunita Satyapal, il fondatore e presidente di Talent Garden, Davide Dattoli, e l’Amministratore delegato di Snam, Marco Alverà.