Stazioni di rifornimento per i bus a idrogeno: TPER assegna a Wolftank un contratto da 15 milioni di euro

Prosegue la collaborazione tra TPER e gruppo Wolftank per dotare l’Emilia Romagna di una rete di hydrogen refueling station al servizio dei bus ad H2 commissionati al produttore polacco Solaris dall’azienda del trasporto pubblico locale grazie alle risorse del PNRR.

Facendo seguito al primo contratto parziale assegnato a giugno 2023, infatti, TPER ha conferito incarico a TPH2 scarl – società consortile controllata dalla stessa TPER e partecipata da HGeneration srl (gruppo Wolftank) costituita a gennaio 2023 – per la realizzazione delle infrastrutture di rifornimento di Bologna-Due Madonne e Ferrara, per un valore di 15,5 milioni di euro.

A regime saranno in totale 4 gli impianti (3 a Bologna ed 1 a Ferrara) destinati al rifornimento e, in parte, alla produzione di idrogeno, che verranno progettati e costruiti da Wolftank, grazie alle competenze ed esperienze consolidate dal gruppo austriaco (presente in Italia con una propria filiale nazionale) in questo settore, e gestiti direttamente da TPER.

Nel frattempo, prosegue il percorso per i restanti impianti attraverso la definizione di piani di fattibilità tecnico-economica e il completamento dell’iter autorizzativo.

Gli interventi complessivi sono coperti da finanziamenti PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) e PSNMS (Piano strategico Nazionale Mobilità Sostenibile) e da risorse in autofinanziamento da TPER.

Wolftank continua, quindi, a supportare lo sviluppo della mobilità urbana a carburanti alternativi e specificamente ad idrogeno per la quale è stata pioniera e TPER conferma la volontà di arrivare ad avere nel proprio energy mix un 12% di flotta ad idrogeno, scelta strategica per assicurare la necessaria flessibilità di impiego ed utilizzo per la media percorrenza in area urbana e suburbana. Un tassello importante del piano del gruppo della mobilità sostenibile emiliano-romagnolo verso la neutralità carbonica anche in linea con la scelta del Comune di Bologna che ha aderito alla rete europea delle 100 città carbon free entro il 2030.