Via libera definitivo del Consiglio dell’UE al Net-Zero Industry Act, che fissa i target per la produzione europea di elettrolizzatori e fuel cell

Dopo il pacchetto normativo sul mercato del gas e dell’idrogeno, anche il Net-Zero Industry Act ha compiuto l’ultimo atto del suo iter di approvazione.

Il Regolamento, che ha come obbiettivo quello di favorire lo sviluppo della produzione europea di tecnologie legate alla transizione energetica, comprese quelle riguardanti l’idrogeno green, è stato infatti adottato dal Consiglio dell’Unione Europea, e ora – dopo che sarà firmato dal Presidente del Parlamento Europeo e del Presidente del Consiglio dell’UE – verrà pubblicato in Gazzetta Ufficiale Europea, entrando in vigore a tutti gli effetti dal giorno successivo a quello della pubblicazione.

Proposto dalla Commissione Europea nel marzo 2023, e approvato dal Parlamento di Strasburgo lo scorso aprile, il provvedimento punta a semplificare l’iter autorizzativo dei progetti strategici che riguardano le tecnologie green; facilitare l’accesso al mercato per prodotti basati su tecnologie strategiche; consolidare le competenze della forza-lavoro europea in questi settori; creare una piattaforma per coordinare le azioni dei vari soggetti europei in questo campo.

Nello specifico, il Net-Zero Industry Act prevede inoltre per l’Europa l’obiettivo di produrre il 40% del suo fabbisogno annuo di tecnologie a zero emissioni nette – tra cui figurano anche gli elettrolizzatori e le fuel cell – entro il 2030, sulla base di piani nazionali per l’energia e il clima (PNEC), e di raggiungere una quota di mercato del 15% a livello globale, in relazione alle medesime tecnologie, entro il 2040.