Via libera della Provincia di Bolzano al finanziamento in favore di SASA per l’acquisto di 10 bus a idrogeno

Con la delibera 521 del 26 luglio scorso, la Provincia Autonoma di Bolzano ha stabilito di erogare a SASA – società controllata che gestisce i servizi di trasporto pubblico locale – circa 8,6 milioni di euro destinati all’acquisto di 13 nuovi bus a zero emissioni da 18 metri di lunghezza, di cui 3 a batterie a 10 a idrogeno.

SASA – che è stata la prima società di TPL in Italia a dotarsi di mezzi con alimentazione ad H2 – si è data come obbiettivo quello di arrivare a gestire una flotta a zero emissioni, e il finanziamento oggetto di questa delibera contribuirà all’implementazione di questa strategia (alcuni dei bus sono peraltro già stati acquistati dal fornitore Solaris).

Le risorse, precisamente 8.624.675 euro, arrivano dal piano nazionale complementare al PNRR (PNC) e sono state assegnate alla Provincia di Bolzano per “l’acquisto di autobus adibiti al trasporto pubblico extraurbano e suburbano ad alimentazione a metano, elettrica o ad idrogeno e relative infrastrutture di alimentazione”. Ora, con questa delibera, la Giunta ha provveduto formalmente a ‘girare’ le risorse a SASA, con un programma che prevede una serie di trasferimenti scaglionati dal 2022 al 2026, tramite cui la società di trasporto potrà finanziare la trasformazione in chiave green della sua flotta di mezzi.