Via libera di Bruxelles alle aste tedesche per finanziare la produzione di idrogeno verde: in palio 350 milioni di euro

La Commissione Europea ha dato il suo via libera alla misura predisposta dal Governo tedesco che prevede di assegnare 350 milioni di euro di finanziamenti pubblici a sostegno della produzione di idrogeno verde tramite aste analoghe a quelle dalla European Hydrogen Bank.

La Germania è stata infatti il primo, e per ora unico, Paese europeo ad usufruire dell’opzione ‘auction as a service’, che consente agli Stati membri dell’UE di sfruttare il sistema delle aste della banca europea dell’idrogeno per selezionare i progetti all’interno del proprio territorio a cui assegnare un budget proveniente da risorse nazionali, aggiuntivo rispetto a quando stanziato e distribuito, con il medesimo procedimento, a livello europeo (800 milioni per la prima asta svoltasi tra fine 2023 e inizio 2024 e 2,2 miliardi per la seconda, che dovrebbe essere bandita nei prossimi mesi).

Lo schema appena approvato dalla Commissione supporterà – si legge in una nota di Bruxelles – la costruzione di una capacità di elettrolisi pari a 90 MW per una produzione di idrogeno rinnovabile che potrà arrivare fino a 75.000 tonnellate, contribuendo al raggiungimento dell’obbiettivo fissato dalla Germania di raggiungere i 10 GW di capacità di elettrolisi installata entro il 2030.

Le risorse saranno assegnate a valle di un una procedura competitiva supervisionata dalla European Climate, Infrastructure, and Environment Executive Agency (CINEA). La finestra per inviare le candidature si è chiusa lo scorso 8 febbraio e ora CINEA sta valutando le proposte.

I finanziamenti verranno erogati nella forma di un contributo diretto per ogni Kg di idrogeno rinnovabile prodotto, per un periodo massimo di 10 anni. I beneficiari – precisa inoltre la Commissione – dovranno dimostrare di rispettare i criteri fissati dall’Atto Delegato alla RED II sui renewable fuels of non-biological origin (RFNBOs), a partire da dell’addizionalità dell’energia rinnovabile utilizzata per alimentare gli elettrolizzatori.